Jump to content

Facciamo macro con le "compattine"


Recommended Posts

ma questo è un vero e proprio trattato... molto utile anche per le bridge...

saluti dal Bulaier!!!

Link to comment
Share on other sites

ma questo è un vero e proprio trattato... molto utile anche per le bridge...

saluti dal Bulaier!!!

:cc_surrender: :cc_surrender: :cc_surrender:

 

COMPLIMENTI !

Link to comment
Share on other sites

L'ho letto tutto filo per segno.

Molto ineteressante e non credo che servi solo a chi ha le compattine.

Fatto molto bene

Fino a quel momento spero che quanto esposto sia di qualche utilità

Penso proprio di si....almeno per chi ama fotografare o chi vuole iniziare.

Un saluto A.

Edited by piccio
Link to comment
Share on other sites

Veramente utilissimo , per quanto mi riguarda è assolutamente un toccasana per tutti coloro che vogliono migliorarsi..

Grazie di cuore..

 

:cc_surrender:

Link to comment
Share on other sites

Mi accodo ai complimenti per la semplicità espositiva di un argomento non sempre alla portata di tutti.

:cc_surrender: Vincenzo

Edited by win_67
Link to comment
Share on other sites

Ciao Daniele,

hai fatto una cosa molto utile per moltissimi di noi,

grazie e complimenti,

Ennio.

Link to comment
Share on other sites

................................................................................

......

Con lo stesso sistema possiamo realizzare foto macro con il soggetto principale decentrato, semplicemente ponendo la “mira” alla medesima distanza, ma al centro dell’inquadratura, come nel caso di questo gnomo da… salotto (con la brutta stagione anche loro si rifugiano nelle case, come i topi!)

In sequenza dall’alto in basso: 1) foto scattata senza mira e perciò con focalizzazione sullo sfondo anziché sul soggetto principale; 2) posizionamento della mira al momento di attivare l’autoscatto; 3) risultato finale

Come vedete, anche in questo caso stiamo parlando di “attrezzature” di nessun peso o ingombro; un posto nel taschino lo trovano sempre!

 

 

Meriti un ringraziamento gigante per la semplicità con cui hai saputo spiegare i concetti,

e un abbraccio per la tua simpatìa!! :biggrin:

 

Ora però ti chiedo un piccolo permesso o licenza che dir si voglia,

da come sei"dentro"l'argomento si evince la tua grande esperienza maturata con gli anni,

ma in passato non esisteva"quasi"la post produzione,e quì vengo al dunque di quel che ho"citato",

Daniele,quell'operazione indispensabile "allora"oggi può essere semplicemente sostituita

con il"taglio"della foto.

Mi spiego meglio,oggi puoi tranquillamente mettere a fuoco il soggetto in primo piano

e così facendo(vedi esempio tuo)ti troverai con una foto"spostata a dx o sx a secondo della posizione,

per portarla alla centralità voluta basterà usare la"taglierina"ed il gioco è fatto....anche se sei a mano libera!

 

Sia chiaro che mi son permesso questa piccola osservazione,per nessun altra ragione,se non quella

di aggiungere una piccola informazione,destinata a tutti quelli che muovono i primi passi fotografici"moderni"

Prima....si fotografava usando trucchi vari prima del clic,poi c'era lo sviluppo,

oggi...si fotografa anche dopo il clic....con la post produzione e tutti i suoi accessori!!

Spero ardentemente di essermi spiegato senza nulla togliere al tuo bellissimo insegnamento!! :friends:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).