Jump to content

Sibillini: una chicca di 20 anni fa


Recommended Posts

16) ah! dimenticavo, questo è il lago di Pilato m. 1940 slm, dalle sue rive

post-791-0-93708700-1373546624.jpg

Link to post
Share on other sites
  • Replies 58
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Caro amico mio, dopo lunghe, accurate e profonde indagini cardiologiche, è emerso che la causa del mio devastante infarto è stao il lavare i piatti e passare l'aspirapolvere, perciò vi avviso tutti:

Ciao Ennio, si si di foto ne ho fatte abbastanza .......te ne metto alcune.  

Posted Images

17) la parte finale della valle di Pilato, prima di affrontare "le svolte", ripido sentiero sulla roccia che porta ai piani della Gardosa m. 1150 slm, prima della frazione di Foce.

PS: quelle macchie verdi nel prato sono Chenopodium bonus-henricus, chiamati volgarmente "olabri" o spinacio di montagna

post-791-0-92153900-1373546914.jpg

Edited by Ennio
Link to post
Share on other sites

18) un tratto del sentiero "le svolte", queste anfrattuosità nella parete rocciosa, più volte mi hanno riparato dai forti temporali, eh!

post-791-0-29439600-1373547028.jpg

Link to post
Share on other sites

Concludo questa escursione raccontandovi un richio che ho corso durante il percorso in quota.

Mentre facevano una sosta sui prati erbosi, un grosso calabrone mi ha punto la mano, io subito ho cercato di far uscire un pò di sangue ma poco dopo ho cominciato a sentire un gran caldo, una arsura tremenda, in poco tempo mi sono lettralmente "scolato" tutte le nostre riserve di acqua e ne avevano tanta in quanto lungo il percorso non ci sono sorgenti se non quando si scende al lago.

Poi ho iniziato a respirare con fatica, facevo 20-30 passi e dovevo fermarmi per riprendere fiato, i sintomi erano chiari: inizio di shock anafilattico, che fare? a quei tempi non esistevano i cellulari, eravamo non molto lontani dalla vetta, decidiamo di tentare di arrivare là, a settembre c'è sempre ancora gente in vetta, forse potremo trovare qualche aiuto ??.

Ma improvvisamente ecco risalire dalla valle di Foce un grosso nuvolone di nebbia fredda che ci avvolge; non ci crederete, sarà stato lo sbalzo termico, sarà stata l'aria molto umida e gelata, fatto stà che di lì a poco ho ripreso le forze e ho potuto proseguire il giro.

Miracolo della natura o di Sant'Alpino, boh!!!??

Spero non vi siate stancati,

un salutone a tutti,

Ennio.

Edited by Ennio
Link to post
Share on other sites

Un'escursione bella "tosta",

alla quale le foto d'epoca,

danno un fascino particolare. :biggrin:

Link to post
Share on other sites

bellissimo ricordo ennio, qualche pezzetto di quanto visto mi è familiare perchè ho avuto il piacere di camminarci e ancora ricordo lo spettacolo paesaggistico che si presenta da quelle alture

 

per il miracolo direi ....... per fortuna che è avvenuto

Link to post
Share on other sites

Gran scarpinata. Avevi un fisico bestiale perchè 4000 metri di dislivello sono davvero tanti. Io qualche anno fa dopo i duemila iniziavo ad accusare un po' la stanchezza.

 

Bello, giro davvero molto bello.

Link to post
Share on other sites

Conoscevo già dai tuoi racconti la storia di questa avventura straordinaria

percorrenze e pendenze bestiali, percorso bellissimo e proibitivo per persone comuni

Mi fa molto piacere poterlo condividere con te attraverso queste immagini

un abbraccio Rossano

Link to post
Share on other sites

.. aggiungo una cartina del percorso (in giallo), devo correggre il chilometraggio in quanto la lunghezza dell'intero percorso, considerando i dislivelli, le curve, ecc. è di circa 20 km!!

ariciao a tutti,

Ennio.

post-791-0-31405000-1373581104.jpg

Link to post
Share on other sites

stupendo,proprio l'altro giorno,nel negozio di montagna di un mio amico,qui a L'Aquila

mi sono trovato a parlare del lago di Pilato con una guida alpina,che c'era stato il week end prima

lui è aquilano,per cui esperto del Gran Sasso,ma mi raccontava che era rimasto affascinato dai Sibillini

e da quello splendido laghetto di montagna, dal suo bellissimo colore e dal suo raro e curioso abitante,il chirocefalo

che resiste anche se il lago si prosciuga temporaneamente

io ero preparato sulla materia,proprio per aver letto un tuo post di un'escursione di qualche anno fa

mi confermi che viene chiamato anche lago degli occhiali?

Link to post
Share on other sites

Bellissimo racconto Ennio e grande scarpinata...

solo dopo esserci stato, anche solo sfiorando quei monti, capisco il perchè voi li amiate tanto...

la natura in quei luoghi si è sbizzarrita in modo spettacolare...

grazie del racconto...

ti allego una foto che spero ti faccia piacere e che fa vedere più o meno bene( la foschia quel giorno era davvero tanta) da dove sei partito e da dove sei ritornato grazie al miracolo :wink:

un abbraccio :hug2:

 

clicca sull'immagine

 

post-1869-0-47203900-1373613749.jpg

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).