Jump to content

Osservare al microscopio


 Share

Recommended Posts

Faccio seguito alla richiesta di Lalluvic e apro questo post (già pubblicato un po di tempo fa in altro forum) per dare intanto una linea guida su come si fa un vetrino.

Gli atrezzi:

 

Va detto innanzi tutto che gli strumenti,ogni volta devono essere ben lavati per evitare contaminazioni da studi precedenti.

Ecco quelli che uso più spesso

nella foto : pinzette con punte differenti, una lametta spezzata in due, un bisturi e una siringa.

post-115-0-72461600-1328905160.jpg

Edited by pino
Link to comment
Share on other sites

Una volta ottenuta la sezione da analizzare la si deposita sul vetrino e si fa cadere una goccia di reagente, nell’esempio rosso congo anionico, con il contagocce facendo attenzione a non toccare il vetrino per evitare contaminazioni

post-115-0-34339400-1328905535.jpg

post-115-0-57517600-1328905553.jpg

Link to comment
Share on other sites

Dopo aver appoggiato il coprivetrino

Il lavaggio del reperto, dopo circa tre minuti di bagno in reagente generalmente si fa con il seguente procedimento: si appoggia il coprivetrino sopra il reperto da studiare si mette un po’ di acqua distillata sul un bordo del coprivetrino, alla parte opposta si appoggia la carta assorbente e così la carta assorbente assorbirà il reagente che, sotto il vetrino, verrà sostituito dall’acqua.

Se non si usa un reagente colorato ma solo ammoniaca si può osservare direttamente, l'ammoniaca è un rigonfiante usata per i secchi ma l'osservazione veloce non compromette le dimensioni dei componenti da osservare.

post-115-0-31999000-1328905773.jpg

Link to comment
Share on other sites

Interessante. :scratch_one-s_head:

 

Da qualche parte ci deve ancora essere il microscopio che avevo alle medie . . .

 

. . . nella sua sctolina di legno . . . chissà se funziona ancora . . :chin:

Link to comment
Share on other sites

Se mi mettessi a parlare sù quanto ci hai proposto, uscirebbe solo tutta la mia completa ignoranza

nei confronti di questo affascinante mondo dei funghi.

Mentre guardavo le ultime immagini al microscopio invece, mi è sorto un pensiero....comparativo.

Quello che i nostri occhi vedono è solo l'insieme di tante cose e lì, troppo spesso, ci fermiamo

e se lo facciamo coi funghi, il passo verso i nostri simili è subito fatto.

Morale:

ci sono persone o cose che ci piacciono o meno, ma quasi che ci mancasse sempre il tempo, ci fermiamo all'impatto

del momento e giudichiamo sù quello, mentre se trovassimo la voglia di guardare a fondo

si potrebbero scoprire meraviglie che altrimenti andrebbero perse e chissà quante...ce ne siamo già perse!

 

Grazie Pino, forse tu volevi ben altro approccio da parte mia, ma tutto serve nella vita!! :friends:

Link to comment
Share on other sites

Grazie Pino, interessantissimo.:clapping: :clapping: :clapping: :clapping: :clapping:

 

Prima o poi un microscopio per "guardare" i tartufi me lo devo fare, mi affascina troppo questo micro mondo.

GRAZIE :friends:

 

L'importante è che i Tartufi non siano....Microscopici... :biggrin:

 

Grazie comunque a Pino...tutto molto interessante...

 

Un Abbraccio a tutti e due..

 

Giuliano

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).