Jump to content

Buongiorno abbiamo aggiornato il forum, esplorate e abbiate pazienza :D

 

 

Remi

Escursione a Cima Caldiera e M. Ortigara

Recommended Posts

proprio vero,bisognerebbe ricordare di più queste vicende e questi luoghi di sacrificio

 

ti ringrazio di averle riproposte,bisognerebbe che i nostri giovani le vedessero più spesso

 

ricordando ciò che hanno fatto i loro coetanei di allora

 

un omaggio e un ricordo per il loro sacrificio

 

Giorgio

 

 

E' proprio quello che penso anch'io, anche se la maggior parte dei coetanei di allora, forse lo faceva solo perchè costretti...dai carabinieri con il fucile puntato alle spalle

 

Remigio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie per il viaggio.... :give_rose:

 

 

Pe me è sempre un piacere condividere con Voi le mie uscite

 

Remigio

Share this post


Link to post
Share on other sites
I tuoi topic in questi luoghi mi fanno sempre stringere il cuore..Come madre mi immedesimo in quei ragazzi, nelle loro paure, nelle loro speranze, nei loro ideali

 

E' triste osservare ciò che resta del passaggio di quelle vite, ma ogni tanto è giusto pensare che se oggi siamo quelli che siamo lo dobbiamo alle tante anime che si sono perse lassù...

 

Grazie Remigio, un grande abbraccio :friends:

 

 

Cara Raffaela "Come madre mi immedesimo in quei ragazzi, nelle loro paure, nelle loro speranze, nei loro ideali" condivido perfettamente il tuo pensiero, quanto agli ideali della maggior parte di quei ragazzi morti, forse erano diversi da quello che certa storiografia vuol farci credere.

 

Ti abbraccio

Remigio

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cara Raffaela "Come madre mi immedesimo in quei ragazzi, nelle loro paure, nelle loro speranze, nei loro ideali" condivido perfettamente il tuo pensiero, quanto agli ideali della maggior parte di quei ragazzi morti, forse erano diversi da quello che certa storiografia vuol farci credere.

 

Ti abbraccio

Remigio

non forse, hai assolutamente azzeccato, basta parlare con qualche anziano che abbia ricordi di persone di venti trentanni più vecchie e si capisce che di quella guerra non gliene fregava niente a nessuno ed è stata mitizzata dalla propaganda,

quanta diserzione che c'era, altrochè ideali e speranze, solo D'Annunzio e qualche altro .......bell'elemento come lui ne potevano avere...

comunque remi , aspettavo che finissi per dirti che il tuo è uno splendido documentario, sono stato in friuli, e ho visto alcune cose a redipuglia, e sentire suonare il silenzio la sera in quei luoghi è stato decisamente intenso...

ciao, Ivan!!

Edited by 'l bulaier

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quanta storia, quanti morti

 

E' doveroso ancora documentare certe antihce vicende, sperando che questi racconti siano un esempio per il futuro e che non si compiao piu' certi errori

 

Grazie per il viaggio che ci hai fatto fare

 

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre ricchi di interesse e di storia i tuoi topic Remigio....

 

Un giorno a l'altro riuscirò a vederli con i miei occhi quei luoghi,

con te a farmi da guida....per adesso mi accontento di vederli

attraverso le tue foto e i tuoi racconti....e ti ringrazio :good:

 

Un :hug2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissimi posti, pensare che lì ci siano state delle guerre è quasi incredibile, la guerra e quei posti stonano in modo assoluto

 

Giovanni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno

Grazie per il "viaggio" che ci hai fatto fare.

Per caso, recentemente mi è capitato per le mani proprio un libro di recente edizione e che si occupa specificamente dell'argomento trattato nel Tuo post, cioé: M. Buana, P. Pozzato, R. Dal Molin, Monte Ortigara - Volume primo - Guida ai campi di battaglia dell'Altipiano dei Sette Comuni, Itinerari della Grande Guerra.

 

Salutoni

 

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Remigio, ogni volta che vedo i tuoi post sull'altopiano mi emoziono. Ed ogni volta mi riprometto di venirci a fare un salto.

Mi piacerebbe molto ripercorrere i passi dei soldati dell'epoca.

 

Marci :flowers2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando mi capita di visitare le trincee provo sempre

un sentimento di pietà per tutti quei giovani caduti in battaglia...

quanti morti dalle due parti per la conquista di una cima...

 

Ciao Remigio

e grazie

 

Sergio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vivere la montagna e i suoi paesaggi....

sai bene Remigio quanto io ami la montagna e quanto la montagna sia dentro di me,

proprio per questo vedere le sue rocce sfruttate e scavate per un ecatombe mi lascia sbigottito,

battaglie impossibili venivano combattute in luoghi irrilevanti per la "guerra" vera, eppure ci son cime come l'Ortigara che passarono di mano in mano e alcune cime vicine alternarono più volte in pochi giorni la bandiera austriaca e quella italiana.

Cadorna si impuntò sulla conquista della dorsale nord dell'Altopiano che giustamente vedeva come decisiva, ma su quei monti trovammo solo sconfitta e morte, eppure in molti avevano cercato di dissuaderlo.....

La guerra è assurda di per se e cercare il giusto e lo sbagliato come sto facendo non porta da nessuna parte, scusami Remigio, ma leggendo più volte quelle battaglie ho potuto lontanamente sfiorare la mostruosità di quegli scontri e se porto tuttora grande rispetto per il tricolore è sicuramente per quei "ragazzi".....

ti abbraccio e ringrazio per queste meravigliose pagine che hai regalato al Forum.

A presto Alpino..... :friends:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ci hai accompagnato in posti bellissimi..... anche ricchi di ricordi e di testimonianze tragiche.....

 

complimenti per questa bella e interessante documentazione :clapping:

 

 

:bye1:

Leonardo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ringrazio tutti per l'apprezzamento e se volete visitare l'Altopiano, non avete che da fare un fischio: sono a vostra disposizione.

 

Remigio

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

....grazie ancora per avermi guidato tra questi sassi e gallerie

nei racconti di una storia che sembra lontana,

e che alcuni vorrebbero far dimenticare esorcizzandola,

ma che invece è ancora molto vicina sia nel tempo che nel pensiero.

 

E pensare che questi luoghi sono stati vissuti anche nei mesi invernali

con 4 metri di neve sulla testa e un freddo "boia" (inverno del 1916/17).

 

....e quando il conflitto finì, la guerra per tutti quelli che risiedevano nell'Altopiano

continuò per anni e anni.

Per capirne il senso profondo bisogna leggere "L'anno della vittoria" e "Le stagioni di Giacomo" di M. Rigoni Stern.

 

:friends:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

APasseggionelBosco ODV

L'Associazione APB

Contatti: Soci - Forum - PEC

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).