Jump to content

25 Aprile di liberazione...


tyrnanog

Recommended Posts

Ieri ha fatto neve – governo :skull: :nuvole: :diablo: – in paese si è squagliata subito, ma un po' più su è rimasta: circa quattro dita!

Approfittando del giorno di festa ho ripreso la strada del bosco verso Valmaggiore ed ecco come si presentava il panorama in direzione del Latemar.

post-3431-0-59124100-1335386905.jpg

Link to comment
Share on other sites

Per gli appassionati del genere ci sarebbe stato da divertirsi non poco nel cercare di riconoscere tutte le impronte lasciate sul candido manto. Impressionante, sembrava un'autostrada! Ma questa volta non c'entravano i turisti o i fungaioli, erano tutte degli animali del bosco; tutti già svegli e pimpanti in attesa di una primavera che si fa desiderare più del solito.

Orme piccole, grandi, tonde, lunghe, di cervi, caprioli e... queste. Per non essere un esperto mi sembrano di qualche mustelide; un po' grandi forse per la faina e un po' piccole per un tasso adulto: martora? Ne ho incontrata una l'anno scorso, sbucata dalla riva del torrente a pochi passi dal sottoscritto, ma non ho fatto in tempo a chiederle che misura di scarpe portasse.

La foto non è un gran che, ma le uniche impronte ancora leggibili erano tutte in ombra piena.

post-3431-0-11604500-1335386936.jpg

Edited by tyrnanog
Link to comment
Share on other sites

Appena domenica scorsa ho percorso questo medesimo sentiero; era la giornata ideale per fotografare nel bosco: cielo coperto, luce morbida e cavalletto.

Questo bell'angoletto del Rio di Valmaggiore si presentava così...

post-3431-0-67610600-1335386987.jpg

Link to comment
Share on other sites

Pochi metri più a monte, sempre domenica scorsa, tentavo di fotografare il rio nonostante la pioggia battente (alla fine me la sono presa tutta) e lasciando quel brutto ciocco di legno in mezzo all'inquadratura, non fidandomi di arrampicarmi sulla roccia bagnata per spostarlo...

post-3431-0-04276900-1335387065.jpg

Link to comment
Share on other sites

Per fortuna, più a valle sono già spuntati questi, a ricordarci che tutto sommato il gelo, quello vero, è passato.

Chissà che il 25 Aprile, oltre che dal giogo nazista, per quest'anno non segni anche la definitiva liberazione dal letargo invernale.

 

Daniele

post-3431-0-19828900-1335387209.jpg

Link to comment
Share on other sites

Fantastico, una bella nevicata un po' fuori stagione!!

 

Ora bel tempo e molto mite per 3-4 giorni, rapida squagliata della neve,anche se in alto ne ha fatta un bel po!

 

Complimenti sempre per le belle foto

Link to comment
Share on other sites

Per fortuna, più a valle sono già spuntati questi, a ricordarci che tutto sommato il gelo, quello vero, è passato.

Chissà che il 25 Aprile, oltre che dal giogo nazista, per quest'anno non segni anche la definitiva liberazione dal letargo invernale.

 

Daniele

 

 

Sono nei miei e penso anche nei tuoi ricordi, delle tappe del giro d'Italia svoltesi in Maggio avanzato

tra due muri neve alti alcuni metri e qualcuna addirittura deviata, accorciata causa neve.

Sò bene, che le tue parole citate sul letargo invernale sono una semplice, sentita e dovuta chiusa,

ma rispettare i tempi, il respiro della natura, vuol dire amarla profondamente.

Tu lo sai, :friends: io lo sò, :yes3: ma tanta gente, causa certi TG :bad: ha imparato a lamentarsi.....a prescindere,

invece di ricordarsi che è Primavera sia che ci sia il sole, il vento, la pioggia o anche la neve!

 

Però, che belle queste tue foto! :hug2:

Edited by patrizio
Link to comment
Share on other sites

:clapping: :clapping:

 

Caro Daniele,

 

Bellissime immagini...prima e dopo Neve...

 

I tuoi commenti..sempre piacevolissimi..

 

Un Abbraccio forte e..prosegui a deliziarci...

 

Giuliano

Link to comment
Share on other sites

nella curiosità non vi è maggior gioia che attendere un tuo post per godere di spaccati di Trentino

ripresi con amore e professionalità. Poi concordo con Pat con la mania di climatologia scoppiata in

troppe persone, complice internet o i vari tg siamo diventati succubi di variazioni climatiche anche

anomale che da sempre si susseguono, forse ora con qualche bizza di più, ma nulla da meritare tanto clamore,

basterebbero le immagini pacate e curiose di un fotografo di Predazzo :clapping: :clapping: :clapping:

Edited by bobtzen
Link to comment
Share on other sites

Sono nei miei e penso anche nei tuoi ricordi, delle tappe del giro d'Italia svoltesi in Maggio avanzato

tra due muri neve alti alcuni metri

In effetti, anche se non ricordo l'anno, ho ancora in mente l'urlo del cronista: "...è Adorni!!!" lanciato quando riuscì a scorgere il primo (e solitario) ciclista, ormai in prossimità del traguardo dello Stelvio. In altri anni l'avrebbe riconosciuto in lontananza mentre svoltava all'ultimo tornante, ma quella volta la tormenta di neve impediva di scorgere qualsiasi cosa che si trovasse anche solo a metà strada. EPICO!!!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).