Jump to content

55^ puntata: si riparte .... almeno ci provo


Recommended Posts

... ebben sì, è proprio lui: Schizophyllum commune, vi allego due foto.

La 1^ si riferisce alla vecchia fruttificazione di inizio ottobre 2010.

post-791-0-47092300-1295397848.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 89
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

...mentre questa è una fruttificazione in habitat.

Vi terrò informati sugli sviluppi della seconda coltivazione iniziata il 2 novembre 2010.

Brava Raffa e bravissimo Stefano e anche bravo a Nico che ha mantenuto il segreto,

e ora, via alla neve!!!

Ennio.

post-791-0-76009700-1295398043.jpg

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

Davvero belli Ennio.

Si puo' fare esperimento anche con altro micelio???

Link to comment
Share on other sites

Davvero belli Ennio.

Si puo' fare esperimento anche con altro micelio???

 

 

ciao Andrea,

è sempre molto difficile riprodurre le condizioni "naturali" habitat appropriato e micro clima idoneo.

Io non ho fatto altro che prendere dei fondi di caffè dentro un sacco di plastica trasparente, dove stavano già nascendo per conto loro questi funghi (cosa curiosa), ne ho preso una parte e l'ho messa nella vaschetta che ho fotografato e postato.

Ho messo questa vaschetta con il substrato di fondi di caffè dentro un sacchetto di plastica con qualche foro per l'aria, ho innaffiato il tutto e richiuso il sacchetto; ogni tanto controllo come prosegue la crescita.

Ho iniziato oggi una analoga coltivazione sempre di Schizophyllim commune, ma questa volta il substrato sono due rametti di noce (che prossimamente vi posterò.

Un salutone e .... prepara le catene da neve!!

Ennio.

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

ciao Andrea,
è sempre molto difficile riprodurre le condizioni "naturali" habitat appropriato e micro clima idoneo.
Io non ho fatto altro che prendere dei fondi di caffè dentro un sacco di plastica trasparente, dove stavano già nascendo per conto loro questi funghi (cosa curiosa), ne ho preso una parte e l'ho messa nella vaschetta che ho fotografato e postato.
Ho messo questa vaschetta con il substrato di fondi di caffè dentro un sacchetto di plastica con qualche foro per l'aria, ho innaffiato il tutto e richiuso il sacchetto; ogni tanto controllo come prosegue la crescita.
Ho iniziato oggi una analoga coltivazione sempre di Schizophyllim commune, ma questa volta il substrato sono due rametti di noce (che prossimamente vi posterò.
Un salutone e .... prepara le catene da neve!!
Ennio.

 

Ennio grazie mille per le delucidazioni , per la catene da neve ......gia' sono in macchina.

Edited by piccio
Link to comment
Share on other sites

.... ed eccola qua!

la seconda coltivazione casalinga di Schizophyllum commune: due rametti secchi di noce messi in una vaschetta con un pò di terriccio, annaffiati e lasciati in terrazzo all'ombra.

I funghetti già erano presenti nei rametti che facevano parte di una catasta di legna per il camino; ora vedremo come evolverà questa fruttificazione: cosa non si fà mai in mancanza di Agaricus, ehh!

Ennio.

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

.... scusate mi ero dimenticato di allegare la relativa foto.

post-791-0-25035200-1295536870.jpg

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

Ci avevo pensato ma mi sembrava giallo e credevo fosse ben altra cosa.

Lo Schizophillum è forse uno dei funghi più comuni dei boschi vicino casa.

Sei un giocherellone Ennio..:biggrin:

 

Domanda per Ennio:

 

un substrato di stallatico con inseminazione di Agarici, tenuta ferma e asciutta per due anni, può fruttificare se messa in condizioni ideali??

Ci provo comunque....

Link to comment
Share on other sites

Ci avevo pensato ma mi sembrava giallo e credevo fosse ben altra cosa.

Lo Schizophillum è forse uno dei funghi più comuni dei boschi vicino casa.

Sei un giocherellone Ennio..:biggrin:

 

Domanda per Ennio:

 

un substrato di stallatico con inseminazione di Agarici, tenuta ferma e asciutta per due anni, può fruttificare se messa in condizioni ideali??

Ci provo comunque....

 

Ciao Giacomo,

in teoria si; nella letteratura micologica si annoverano diversi casi di spore e miceli rimasti "latenti" per parecchi anni e che una volta rimessi in idonei ambienti, hanno ripreso a vegetare.

Prova poi facci sapere,

un saluto nevoso,

Ennio.

Link to comment
Share on other sites

...mentre questa è una fruttificazione in habitat.

Vi terrò informati sugli sviluppi della seconda coltivazione iniziata il 2 novembre 2010.

Brava Raffa e bravissimo Stefano e anche bravo a Nico che ha mantenuto il segreto,

e ora, via alla neve!!!

Ennio.

 

non c'è che dire, molto interessante e pensare che questo fungo lo conosco benissimo

 

:bye1:

 

loril

Link to comment
Share on other sites

.... scusate mi ero dimenticato di allegare la relativa foto.

 

 

devo dire che esteticamente è un fungo molto bello, soprattutto i giovani esemplari! :bye1:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

.... nel frattempo, tra un post e l'altro, la coltivazione cresce, con molto rilento, ma cresce.

Questa è la situazione di oggi 2 febbraio 2011,

ciao a tutti,

Ennio.

post-791-0-95313100-1296573819.jpg

Link to comment
Share on other sites

.... nel frattempo, tra un post e l'altro, la coltivazione cresce, con molto rilento, ma cresce.

Questa è la situazione di oggi 2 febbraio 2011,

ciao a tutti,

Ennio.

 

ora si che è più facile

 

:bye1:

 

loril

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).