Jump to content

Le morette:che fungo è?


Aquila

Recommended Posts

l'equestre e' giallo tutta al piu' si confonde con lo zolfino, non ci azzecca nulla con il terreum,

l'equestre non e' tossico, non e' piu' commestibile il che e' diverso.

E si che ti avevo fatto i complimenti poc'anzi. :scratch_one-s_head:

 

In effetti Rossà pensavo al pardinum e ho scritto equestre ... :wink:

 

 

Su questo invece ho dei dubbi

 

l'equestre non e' tossico, non e' piu' commestibile il che e' diverso.

 

Qual'è la differenza o meglio, perchè non sarebbe più commestibile ??

 

Ciaooo

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 52
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Qual'è la differenza o meglio, perchè non sarebbe più commestibile ??

 

Ciaooo

 

 

Ne abbiamo parlato, bisogna cercare i forum.

Ci sono stati dei casi mortali in Francia sembra accertati.

In italia non credo, pero' i grandi capi hanno deciso di toglierlo dai funghi commestibili.

Anni fa alle riuniuni serali del mio gruppo micologico una signora portava i crostini e tutti ne mangiavamo con gusto.

Tuttora credo sia consumato in garfagnana da coloro che non sono aggiornati, non si vogliono aggiornare,

o non hanno internet quando pascolano le pecore.

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti,

mi inserisco anch'io in questo post aperto da Aquila inserendo alcune foto di Tricholoma pardinum = T. tigrinum come ulteriore contributo; da ricordare che T. pardinum ha carne massiccia, soda, bianca, con odore di farina fresca e il gambo robusto, che non si schiaccia facilmente alla pressione come quello delle "morette" commestibili.

Tricholoma pardinum è un fungo velenoso!

1) Tricholma pardinum sotto faggio in val Fondillo (AQ).

post-791-1257418386.jpg

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

2) Tricholoma pardinum, notare che da giovane, sulle lamelle sono presenti goccioline acquose trasparenti, prodotte dall'imenoforo.

post-791-1257418614.jpg

Link to comment
Share on other sites

3) e questa è la varita filamentosum, ugualmente velenosa; più frequente nei castagneti del Centro-sud.

post-791-1257418696.jpg

Edited by Ennio
Link to comment
Share on other sites

grazie mille a tutti per le utilissime informazioni,ora ho le idee più chiare...anche se,dovrò studiarmele benino sul campo,per avere la certezza di poterle consumare senza problemi,e non incappare in qualche Tricholoma tossico,eventualmente appena riesco ad andarci scatterò qualche foto da mostrarvi per una determinazione più precisa,sempre nei limiti del possibile concesso dalle foto.

L'ideale sarebbe conoscerle,direttamente nel bosco,con qualcuno che le conosce bene e te ne illustra le principali caratteristiche...ma qui,i miei paesani,sono molto gelosi dei posti,per cui mi adeguerò.

Link to comment
Share on other sites

visto che è tempo di morette, funghi molto apprezzati da molti cercatori vogliamo giocare a trovare tutte le caratteristiche che possano aiutarci a non fare pericolose confusioni?

 

bene..... si comincia dal cappello delle più comuni morette commestibili T. terreum - T. gausapatum - T. scalpturatum

 

dopo, invece, cercheremo di inviduare le caratteristiche del cappello dei Tricholomi grigi tossici

 

...via si comicia

complimenti Rossano,utilissimo questo "quiz" micologico,sicuramente una volta che si riesce a comprendere le differenze sostanziali,per induzione,rimangono molto più impresse

un salutone,e complimenti anche per le tue conoscenze micologiche... :scratch_one-s_head: riuscissi a farmela piacere anche a me la micologia pura,starei un pezzo avanti

Link to comment
Share on other sites

Alfonso nelle pinete fino novembre tornaci, potrebbero esserci le geotropa

 

ciao

 

grazie per l'informazione Mario...quella tra me e le Geotrope,è una sfida infinita,prima o poi le troverò...e voglio riuscirci da solo,così la soddisfazione sarà maggiore :scratch_one-s_head:

da queste parti,sembrano sconosciute,oppure le chiamano in altri modi

...comunque non demordo :wink:

 

A Mario.......... ste geotropiche stanno a diventa' un incubo.......non per te ......ma per me.

Alfo' se vuoi prendere le morette basta che chiami .....ho un poì molto bello.

ma non credo che nelle tue zone manchino....

Andrè a chi lo dici per stè Geotrope...comunque alla fine l'avremo vinta :wink:

per le morette,sopra il mio paese dovrebbe essere pieno,sono tutte pinete...debbo solo imparare a riconoscerle senza avere dubbi

Link to comment
Share on other sites

L'ideale sarebbe conoscerle,direttamente nel bosco,con qualcuno che le conosce bene e te ne illustra le principali caratteristiche...ma qui,i miei paesani,sono molto gelosi dei posti,per cui mi adeguerò.

Certo sarebbe meglio!

Tu annotati odori sapori e consistenze, e naturalemente habitat che sono importanti!

Link to comment
Share on other sites

Sperando di far cosa gradita ad Alfonso e a tutti quelli che gradiscaono avere una migliore conoscenza delle morette commestibili più comuni e maggiormente ricercate inserisco le immagini con relativa scheda già pubblicate in una mia precedente rassegna sui funghi di pineta

 

Tricholoma scalpturatum – (Fries) Quélet

 

Cappello:

3 – 7 cm., poco carnoso, da convesso a campanulato, presto appianato, a volte depresso a maturità, con largo umbone ottuso, margine prima leggermente involuto, poi disteso e, infine, fessurato, cuticola fibrillo-lanosa, grigio-chiaro, grigio-rossastra con squamule più fitte verso il centro dove assumono spesso toni grigi-nerastri

Lamelle:

bianche, fragili, poco spaziate, intercalate da lamellule, a volte con leggeri riflessi grigiastri, tendenti a colorarsi di giallo a maturità

Gambo:

3,5 – 7 x 0,5 – 1,5 cm., cilindrico, slanciato, concolore al cappello alla base e bianco-feltrato all’apice, a volte con residui cortiniformi del velo generale negli esemplari giovani

Carne:

di colore bianco, leggermente più scura sotto la cuticola, tendente all’ingiallimento a maturità, odore di farina fresca, più apprezzabile dopo la frattura, sapore dolce

Habitat:

In gruppi spesso numerosissimi, fruttifica dall’autunno fino all’inverno in boschi sia di conifere che di latifoglie.

Commestibilità:

Buon commestibile

post-128-1257441770.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tricholoma gausapatum – (Fr. : Fr.) Quèlet

 

Cappello:

3 – 7 cm., convesso poi appianato, con evidente umbone ottuso, orlo dapprima involuto, poi disteso e spesso fessurato in maturità, cuticola color grigio ardesia con toni più chiari al margine, feltrata, lanosa, con moltissime fibrille nerastre molto arruffate e rialzate

Lamelle:

smarginate, adnate, spaziate, ventricose, bianco-grigiastre, con lievi riflessi rosati a maturità

Gambo:

4 – 8 x 0,7 – 1,5 cm., cilindrico, anche attenuato alla base, di colore bianco grigiastro con fibrille sericee e resti di velo nella parte alta negli esemplari giovani

Carne:

di colore bianco, biancastro, leggermente più scura sotto la cuticola, odore lieve, fungino e sapore dolce, gradevole

Habitat:

Fruttifica in autunno in boschi sia di conifere che di latifoglie

Commestibilità:

Buon commestibile

post-128-1257442065.jpg

Link to comment
Share on other sites

ora non mi ritrovo la scheda di T. terreum, la moretta più ricercata dalle mie parti. Appena ho un pò di tempo la preparo e la inserisco.

 

Riguardo al gambo:

 

facendo riferimento alle caratteristiche che orientano verso le morette commestibili, occorre dire che tutte hanno il gambo molto fragile che

si schiaccia anche in seguito ad una leggerissima pressione e diviene cavo o fistoloso a maturità.

 

ciao Rossano

Link to comment
Share on other sites

Sempre riguardo al gambo:

 

occore dire che le morette non commestibili T. sciodes - T. virgatum e T. Pardinum in particolare hanno la carne del gambo molto consistente o elastica che non si modifica in seguito a pressione

 

ciao

 

 

P.S. prego gli esperti di correggere qualsiasi inesattezza, grazie

Edited by rossano
Link to comment
Share on other sites

Ecco qui una moretta dal:

Gambo elastico, non fragileCappello conico poi appianato con umbone acuto; di colore grigio nerastro; superficie liscia

Carne di sapore acre, bruciante, molto pepato

Habitat: boschi di conifera

 

Tricholoma virgatum, della val di Non (sett. 08)

Non Commestibile

Ciao.

Piero

post-181-1257448181.jpg

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).