Jump to content

Funghi D'Abruzzo


mitler
 Share

Recommended Posts

Oggi a Teramo c'è stata la presentazione di questo libro,promotore di questa pubblicazione il BIM

Si tratta di un’opera indirizzata ad un pubblico differenziato: da una parte gli innumerevoli ricercatori e appassionati di questo straordinario prodotto della terra, dall’altro una guida – prestigiosa e non meramente manualistica – per chi non conosce la natura, la qualità e le peculiarità del fungo abruzzese. Si tratta di una pubblicazione, in sintesi, che risponde ad una esigenza diffusa e contemporaneamente stimola interesse e curiosità. Realizzata con rigoroso criterio scientifico, da Rosaria e Nino Tieri, essa vuole di fatto rappresentare un importante contributo alla conoscenza e alla diffusione di un prodotto ricco di connotazioni culturali, storiche e ambientali tali da riassumere, pur nel tratto di un aspetto specifico, un’intera sensibilità collettiva.

Io naturalmente c'ero e ho avuto una copia gratis :biggrin: :dntknw:

post-41-1143138539.jpg

Link to comment
Share on other sites

Vedo già nomenclatura discutibile, citazioni degli autori errate e incoerenti (addirittura nella pagina a destra la stessa specie citata in due modi diversi nel titolo e poi più in basso - e sbagliata in entrambi i casi). A prescindere dal libro in questione (magari abbiamo preso due pagine 'sfortunate'), la mia domanda è: perché in Italia i libri di funghi vengono spesso realizzati con una cura editoriale quasi nulla, di corsa e senza chiedere consigli a nessuno?

 

Poi gli autori sono anche capaci di offendersi se vengono criticati!

 

Ciao,

russula

Link to comment
Share on other sites

Vedo già nomenclatura discutibile, citazioni degli autori errate e incoerenti (addirittura nella pagina a destra la stessa specie citata in due modi diversi nel titolo e poi più in basso - e sbagliata in entrambi i casi). A prescindere dal libro in questione (magari abbiamo preso due pagine 'sfortunate'), la mia domanda è: perché in Italia i libri di funghi vengono spesso realizzati con una cura editoriale quasi nulla, di corsa e senza chiedere consigli a nessuno?

 

Poi gli autori sono anche capaci di offendersi se vengono criticati!

 

Ciao,

russula

 

 

Complimenti Marco..........sei riuscito pure a leggere dentro !

 

Se non lo acessi detto tu............non ci sarei mai andato a sbirciare !

 

Hai ragioni da vendere !

 

Ciao :biggrin: :biggrin:

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

mi spiace molto che in un territorio come il nostro così variegato dove è possibile passare dall'ambiente mediterraneo a quello alpino e dove è potenzialmente possibile trovare tutte le specie animale/vegetale e ovviamente funghi di questi ambienti sia scarsamente studiato e poco rappresentato in pubblicazioni dignitose e

serie, spero che sia una mia colpa nel non conoscerle.

Sono rimasto deluso dal testo in oggetto.

 

ciao

Link to comment
Share on other sites

penso che la prima cosa da chiedersi è : a chi è destinato il libro, potrebbe essere destinato ad una diffusione limitata al territorio provinciale, per cui potrebbe avere la valenza di appunti di lezioni, solo in versione rilegata.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Non conosco gli autori, ma magari la casualità ha fatto aprire proprio una pagina sbagliata ed invece il resto del libro è ben fatto.

Lo sapete benissimo che svarioni anche dopo cinque revisioni di bozze sono sempre possibili. (certo che potevano stare attenti alle pezizali :biggrin: )

 

In generale

Secondo me ben vengano pubblicazioni che possano stimolare a fare meglio, purtroppo è anche vero qurello che dice Alfy, spesso si pubblica giusto per farlo e non si verifica accuratamente e/o non si ha l'umiltà sufficiente per chiedere a qualcuno più preparato di te un controllo, una revisione del tuo lavoro....

Da dilettante assoluto (perciò consentitemelo) io non mi sentirei di condannare e criticare un lavoro fatto magari con passione :hug2:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Arturo,

certamente il lavoro degli autori va valorizzato e tenuto nel giusto conto,

solo se si è appassionati si possono portare avanti lavori del genere, ma

avere come sottotitolo: " tesori della montagna teramana" è un pò troppo

visto che gli autori hanno presentato schede di funghi raccolti per la maggior

parte nei territori del chietino e dell'aquilano, io credo che si possa tenere conto

di questo passo importante verso la divulgazione scientifica dei funghi della nostra

bella e prosperosa Regione ricca di endemismi e di habitat capaci di donare ulteriori e ricchi ritrovamenti importanti, per far questo bisognerebbe anche approfittare e riconoscere il grande lavoro di conoscenza che la nostra associazione AMENA sta portando avanti da diversi anni, non lesinando corsi di divulgazione micologica con l'ausilio di valenti relatori tra i quali: Mazza,Galli,Pacioni .....e Vincenzo Migliozzi.

Tra l'altro comincerà a breve un nuovo corso, il programma lo troverete

QUI'.

 

Tutto quì, siamo tutti allievi ed insegnanti, il tanto ed il poco non lo giudichiamo.

 

ciao Salentino, adesso hai un motivo in più per venirmi a trovare....

un amico a 4 zampe.

 

Bbuno

Link to comment
Share on other sites

Ciao Bruno nonchè ..............Spirito maligno ( o benigno , dipende dai punti di vista ).

 

Non ti sto prendendo in giro quando dico che tu............ con tutte le immagini che hai.........potresti tranquillamente mettere su un meraviglioso libro.

 

Essendo divulgativo della Micoflora del Teramano , oltre le immagini basterebbero 6-7 righe di descrizione e/o di commenti.

 

Ciao , a molto presto. :biggrin:

 

Un abbraccio da Enzo. :hug2:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Bruno nonchè ..............Spirito maligno ( o benigno , dipende dai punti di vista ).

 

Non ti sto prendendo in giro quando dico che tu............ con tutte le immagini che hai.........potresti tranquillamente mettere su un meraviglioso libro.

 

Essendo divulgativo della Micoflora del Teramano , oltre le immagini basterebbero 6-7 righe di descrizione e/o di commenti.

 

Ciao , a molto presto. :clapping:

 

Un abbraccio da Enzo. :00015014:

 

Ciao Bruno,

 

quoto Enzo in toto, tra l'altro tu hai a disposizione lo studio completo praticamente per tutti i funghi che hai trovato e fotografato, potreste farci un pensierino, tu e Marino.

 

Pensateci

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).