Jump to content

Rassegna micologica 16^ puntata


Recommended Posts

Interessante anche questo confronto tra funghi che non conoscevo tempo fa, e che ho imparato a riconoscere tramite voi, ed in particolare ora, ancora meglio grazie al tuo lavoro didattico Ennio.

 

Continua così!

 

Alla 17^ dunque! :clapping:

 

Paolo

Link to comment
Share on other sites

..........

Occorre diffidare (a scopo precauzionale) se non si è più che certi, dalla raccolta di esemplari di "morette" di dimensione oltre i 10 cm, che possiedono una carne soda compatta e odore di farina

Grazie ancora Ennio per questo tuo interessantissimo contributo. :clapping: :clapping:

A parte le caratteristiche macroscopiche che hai ben evidenziato e di cui bisogna tener conto, credo che quanto ho quotato del tuo scritto sia una norma importantissima da tener sempre presente.

 

a presto :biggrin:

salvo

Link to comment
Share on other sites

sono davvero utili e interessanti i tuoi post....

a mio avviso si potrebbero mettere tutti "in evidenza" in modo che rimangano sempre visibili e consultabili....

che ne dite???

Link to comment
Share on other sites

Caro Ennio,

 

Mi unisco al coro e ti ringrazio per l'ennesima volta....

 

Un :clapping: e ....a Vallombrosa...

 

Giuliano

Link to comment
Share on other sites

Ciao Ennio,

giustissime le tue considerazioni sul periodo di crescita,ma voglio aggiungere una piccola cosa sempre a titolo di curiosità e perchè no...un poco per conoscenza,

l'Inverno al quale mi riferivo era quello del 2004 quindi molto freddo e ribadisco,nel bosco si scivolava sul ghiaccio vero,eppure abbiamo fatto dei bei ritrovamenti di Tricholoma ma non scalpturatum,se non qualche sporadico esemplare,ma terreum...

e quì per me stà la curiosità o stranezza,

ultima conferma,il bosco era un misto di pini,lecci e qualche castagno!!

 

Un abbraccio :happybday:

pat :air_kiss:

 

Cioa Patrizio,

quanto da te asserito mi sorprende un pò, non tanto per il gelo (i funghi potevano essere gia nati prima che gelasse) e in particolare, il Tricholoma terreum è una delle morette che può proseguire la crescita anche in inverno, al centro-sud.

Per mia conoscenza credevo che nascesse solo in presenza di pino (preferenza di P. silvestre) o abete, non ero al corrente di raccolte sotto latifoglie; come vedi c'è sempre da imparare.

grazie, Ennio.

Link to comment
Share on other sites

Cioa Patrizio,

quanto da te asserito mi sorprende un pò, non tanto per il gelo (i funghi potevano essere gia nati prima che gelasse) e in particolare, il Tricholoma terreum è una delle morette che può proseguire la crescita anche in inverno, al centro-sud.

Per mia conoscenza credevo che nascesse solo in presenza di pino (preferenza di P. silvestre) o abete, non ero al corrente di raccolte sotto latifoglie; come vedi c'è sempre da imparare.

grazie, Ennio.

 

 

confermo anchio.....qui nel Savonese, a Sassello in particolare, le morette le trovi nel misto pino-castagno!!!

Link to comment
Share on other sites

Confronti di queste specie a me noti grazie alle lezioni dei corsi per il patentino ma molto interessanti perchè descritti più approfonditamente.

Ciao Ennio

LoriL

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).