Jump to content

Impianto fotovoltaico


carletto

Recommended Posts

Come mai un impianto a pannelli solari che dia energia sufficiente ad una famiglia media non costa MENO di 70/80000 €  ??? 

 

Come mai il governo ( o i Governi ) non incentivano e pubblicizzano questa fonte di energia disponibile a tutti e PULITA ???

:)

 

un salutone

 

Premetto che sono in pieno accordo con lo spirito del tuo intervento e in gran parte anche nel merito delle cose che hai detto.

 

Un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica (tetto solare) in grado di produrre circa 4500-5000 kw/anno (consumi nedio-alti di una famiglia di 4-6 persone) costa chiavi in mano 28000-30000 euro. Tale cifra (anche considerando un contributo a fondo perduto del 50%) comporta circa 8-10 anni per essere ammortizzata.

Ne consegue che occorre una forte motivazione "ideale" (stanti queste condizioni) oltre alla possibilità di impegnare un certo capitale economico, per fare una scelta di questo tipo.

 

La Regione Emilia-Romagna nel Marzo-Aprile del 2004 ha lanciato il 2° Bando per i Tetti F.V. con un finanziamento di Euro 3.194.642,56 .

 

Vi basti sapere che sono state finanziate solo 265 domande su circa 900-1000 domande ammissibili ....... e questo la dice lunga sulla "fame" di energia alternativa che c'è!!!!

 

Perchè i Governi non pubblicizzano queste forme di energie?!?

Io provocatoriamente dico ...perchè il petrolio e i suoi derivati sono una fonte di incasso per l'erario insostituibile!!

 

Tornando ai costi poi, che è il nocciolo fondamentale, bisogna ricordare che i brevetti dell'attuale tecnologia Fotovoltaica li detiene la Shell!!!! :cheer: :D :cheer:

potete pensare che i costi si abbasseranno???????

 

Un'altra riflessione:

il petrolio non è infinito ....ma noi lo stiamo forsennatamente divorando, nel modo più stupido....quale??? lo bruciamo, ma dimentichiamo che materiali come la plastica (purtroppo "indispensabili" nel nostro mondo industrializzato) sono derivati del petrolio stesso che se usato solo per questi scopi sarebbe pressochè "infinito" e in realtà molto meno inquinante.

 

Finisco con una punta di ottimismo: nonostante tutto speriamo che i costi degli apparati in futuro caleranno, l'Università di Parma pare voglia fare uno spin-off per mettere in produzione il frutto di una loro ricerca: un 'film' di silicio per produzione fotovoltaica che costa un quinto di quelli attuali."

 

Andate a questo link (pag. 28-30 del PDF qua sotto)

http://www.rer.camcom.it/econerre/pdf/20040708_econerre.pdf

 

...insomma la ricerca avanza e se non noi ... forse i nostri figli....nipoti....

 

 

 

Ciao a tutti Giuseppe

Link to comment
Share on other sites

Un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica (tetto solare) in grado di produrre circa 4500-5000 kw/anno (consumi nedio-alti di una famiglia di 4-6 persone) costa chiavi in mano 28000-30000 euro. Tale cifra (anche considerando un contributo a fondo perduto del 50%) comporta circa 8-10 anni per essere ammortizzata.

Ne consegue che occorre una forte motivazione "ideale" (stanti queste condizioni) oltre alla possibilità di impegnare un certo capitale economico, per fare una scelta di questo tipo.

 

Mi sa che sono dati ottimistici, la situazione reale e' peggiore, infatti ho aperto una discussione specifica. Di fatto se non c'e' sole i pannelli fotovoltaici non rendono molto, il dato di ieri con cielo nuvolo lo dimostra, 2.7 kW e fate conto che l'impianto in questione e' da 15 a 20 kw superiore a l'uso domestico.

Non vi dico poi il costo.

Cmq se conosciete una ditta che con trentamila euro mi garantisce chiavi in mano di essere autosufficiente, mandatela a casa mia che faccio il contratto.

Fate conto poi che la maggior parte non ha neanche lo spazio sufficiente,

per posizionare i pannelli.

Un ultima domanda che non so. nel caso avessi gia' l'impianto funzionante,

e dal momento che a mezzogiorno il momento migliore io non cosumo ma produco, il contatore dell'enel girerebbe al contrario?

Edited by carletto
Link to comment
Share on other sites

Mi sa che sono dati ottimistici, la situazione reale e' peggiore, infatti ho aperto una discussione specifica. Di fatto se non c'e' sole i pannelli fotovoltaici non rendono molto, il dato di ieri con cielo nuvolo lo dimostra, 2.7 kW e fate conto che l'impianto in questione e' da 15 a 20 kw superiore a l'uso domestico.

Non vi dico poi il costo.

Cmq se conosciete una ditta che con trentamila euro mi garantisce chiavi in mano di essere autosufficiente, mandatela a casa mia che faccio il contratto.

Fate conto poi che la maggior parte non ha neanche lo spazio sufficiente,

per posizionare i pannelli.

Un ultima domanda che non so. nel caso avessi gia' l'impianto funzionante,

e dal momento che a mezzogiorno il momento migliore io non cosumo ma produco, il contatore dell'enel girerebbe al contrario?

 

Il dimensionamento dell'impianto è in realtyà un falso problema: se i tuoi consumi sono bassi occorre un impianto da meno KW come potenza nominale ....che produrrà nell'arco dell'anno meno KW ......e occuperà meno spazio (questo effettivamente può essere un problema) se i consumi sono alti ....tutto in proporzione. Ma in ENTRAMBE LE SITUAZIONI VI ASSICURO CHE IL TEMPO NECESSARIO PER AMMORTIZZARE I COSTI (SE SI E' OTTENUTO UN FINANZIAMENTO MEDIO DEL 50%) SONO COMUNQUE DI 8-10 ANNI.

 

Sulla produzione funziona così: l'impianto è dotato di un apparecchio(inverter) che quando la produzione supera i consumi immette l'energia in eccesso nella rete ...quando al contrario i consumi superano la produzione "succhia" l'energia dalla rete; quello che conta è che alla fine tutta l'energia prodotta dall'impianto FV viene "contata" (o xchè l'hai consumata direttamente o perchè ti viene scalata da quella che è stata assorbita dalla rete).

 

Questo meccanismo compensa le diverse rese produttive che non sono solo relative alle varie ore del giorno ma anche ai vari periodi dell'anno (i migliori non sono come si potrebbe pensare quelli di maggiore irraggiamento a picco, come l'estate) ma quelli primaverili ....il motivo credo sia l'incidenza dei raggi e l'eccessivo riscaldamento dei pannelli.

 

Un altro problema dibattuto è la resa negli anni ..... posso dirvi che un mio amico che ha l'impianto funzuionante da 2 anni ha verificato una reale stabilità nell'efficienza dei pannelli e una produzione realmente pari a quella prevista (ATT. nell'arco di un anno!!!)

 

Sui nomi delle ditte ho informazioni su quelle della mia zona.... (se vuoi in un MP... non vorrei fare pubblicità indebita).

 

Ciao a tutti Giuseppe

Link to comment
Share on other sites

Sui nomi delle ditte ho informazioni su quelle della mia zona.... (se vuoi in un MP... non vorrei fare pubblicità indebita).

 

Ciao a tutti Giuseppe

 

 

Anche a me interesserebbero i nomi.

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Penso che quella solare sia una strada senz'altro da seguire, pero' non bisogna pensare che i pannelli attuali in commercio facciano miracoli come qualcuno vuol far credere, come ho detto per combinare qualcosina bisogna mettere una bella superficie, e non per tutti e' facile. Poi bisogna considerare la manutenzione,

speriamo che le grandinate sempre piu' straordinarie non li danneggino.

In ogni caso l'inverter si puo' guastare con facilita', e qui son dolori perche' deve venire la ditta specializzata, quando va bene dal capoluogo di provincia piu' vicino.

Costo intervento di chiamata, esorbitante, mano d'opera non se ne parli.

 

Cmq oggi cielo nuvoloso impianto da 15-20 Kw ripeto per chi non lo sapesse

molto piu' grande di una utenza domestica, sta tirando fuori la miseria di

300 watt. Ragion per cui se non c'e' sole :( :( :(

Link to comment
Share on other sites

Giuseppe, ho letto con vivo interesse non tanto l'articolo sui pannelli fotovoltaici bensi quello sui dendrimeri di pagina 27.

Riprodurre la fotosintesi clorofilliana sinteticamente scindendo solo con l'aiuto del sole l'idrogeno dall'ossigeno.

Idrogeno da bruciare ed ossigeno da immettere nell'atmosfera per mitigare l'effetto serra.

Niente male direi.

Sembra che quel Vincenzo Balzani di Bologna sa il fatto suo, ovviamente e' sconosciuto ai piu' come tutti quelli che LAVORANO. ::EE::

 

Grazie tante per la segnalazione. :D

Link to comment
Share on other sites

Giuseppe, ho letto con vivo interesse non tanto l'articolo sui pannelli fotovoltaici bensi quello sui dendrimeri di pagina 27.

Riprodurre la fotosintesi clorofilliana sinteticamente scindendo solo con l'aiuto del sole l'idrogeno dall'ossigeno.

Idrogeno da bruciare ed ossigeno da immettere nell'atmosfera per mitigare l'effetto serra.

Niente male direi.

Sembra che quel Vincenzo Balzani di Bologna sa il fatto suo, ovviamente e' sconosciuto ai piu' come tutti quelli che LAVORANO. ::EE::

 

Grazie tante per la segnalazione. :D

 

Mi era sfuggito.... veramente interessante.

D'altra parte il mondo delle nanotecnologie è il vero futuro

sptt in un ottica di sviluppo ecocompatibile.

 

Grazie della "segnalazione sulla segnalazione" ^_^

Ciao Giuseppe

Link to comment
Share on other sites

Penso che quella solare sia una strada senz'altro da seguire, pero' non bisogna pensare che i pannelli attuali in commercio facciano miracoli come qualcuno vuol far credere, come ho detto per combinare qualcosina bisogna mettere una bella superficie, e non per tutti e' facile. Poi bisogna considerare la manutenzione,

speriamo che le grandinate sempre piu' straordinarie non li danneggino.

In ogni caso l'inverter si puo' guastare con facilita', e qui son dolori perche' deve venire la ditta specializzata, quando va bene dal capoluogo di provincia piu' vicino.

Costo intervento di chiamata, esorbitante, mano d'opera non se ne parli.

 

Cmq oggi cielo nuvoloso impianto da 15-20 Kw ripeto per chi non lo sapesse

molto piu' grande di una utenza domestica, sta tirando fuori la miseria di

300 watt. Ragion per cui se non c'e' sole  :(  :(  :(

 

Tornando all'argomento pannelli :

 

QUALCHE ESEMPIO PRATICO

 

Impianto da 2,1KWp

Superficie di ingombro circa 20 mq

3° anno di funzionamento

Calo di resa dal 1° anno di funzionamento pari al 3% (le ditte specializzate dicono che il calo di resa si verifica tra il 1° e il 2° anno poi la resa si stabilizza)

Energia prodotta in un anno 2500KW

Energia prodotta in un giorno:

media giornaliera di Luglio 2004 = 10,9 KW

media giornaliera di Dicembre 2004 = 3.2 KW

media giornaliera di Febbraio 2005 = 4.4 KW

 

Effettivamente Carletto mentre questi dati coincidono coi tuoi per ciò che riguarda la superficie dell'impianto (2,1Kw= 20mq vs 15-20KW = 162mq) sono molto diverse le rese. Ma tu parlavi di produzione in 24 ore?

Possibili spiegazioni sono:

1) il tipo di pannelli (silicio mono cristallino, policristallino, amorfo...) ma persone che si sono interessate a fondo del problema mi dicono che non dovrebbe influenzare gran che

2) l'orientamento / posizionamento dei pannelli, questo invece è un fattore determinante

 

Sui costi posso dire che (dati pubblicati nella graduatoria del recente bando in Emilia Romagna di cui parlavo) la media è di 6000 Euro a KWp che in un anno produrra circa 1200-1300 KW....fate i vostri conti!!

 

(ovviamente i conti di Micelio in Trentino :yahoo: :( ......

saranno diversi da quelli di Salvo in Sicilia ::EE:: :lol2: )

OOH SOLE MIOOOOOO!!!! ::EE:: :lol2: :lol2: :yahoo:

Ciao Giuseppe

Link to comment
Share on other sites

Ma tu parlavi di produzione in 24 ore?

 

No io riporto la lettura nel preciso istante che la leggo, ad esempio stamani con pioggia e' neve stava tirando fuori solo 200 W, ovviamente se rimane costante dopo un'ora si puo' parlare di 0,2 kwh, se invece varia occore fare la media.

 

L'inclinazione dei pannelli e' fissa, avere una motorizzazione con spostamento a

seconda delle stagioni sarebbe ottimo, ma aumentano i costi dell'impianto e

della manutenzione,

 

Non conosco il tipo di pannelli e la loro resa , ma e' un impianto che ha poco piu' di un anno, non dovrebbero essere schifosi.

Link to comment
Share on other sites

L'inclinazione dei pannelli e' fissa, avere una motorizzazione con spostamento a

seconda delle stagioni sarebbe ottimo, ma aumentano i costi dell'impianto e

della manutenzione,

Se è vero che l'orientazione continua del pannello comporta notevoli complicazioni e un sensibile aggravio di costi d'impianto, appare sensato che il pannello possa assumere due inclinazioni, così da essere "sufficientemente" perpendicolare ai raggi solari, vale a dire abbastanza verticali, d'inverno (sole basso), più orizzontali d'estate (sole alto)...si tratta di inclinazioni medie, evidentemente :) :) :)

 

Un abbraccio :) :) :)

giorgio

Link to comment
Share on other sites

No io riporto la lettura nel preciso istante che la leggo, ad esempio stamani con pioggia e' neve stava tirando fuori solo 200 W, ovviamente se rimane costante dopo un'ora si puo' parlare di 0,2 kwh, se invece varia occore fare la media.

 

L'inclinazione dei pannelli e' fissa, avere una motorizzazione con spostamento a

seconda delle stagioni sarebbe ottimo, ma aumentano i costi dell'impianto e

della manutenzione,

 

Non conosco il tipo di pannelli e la loro resa , ma e' un impianto che ha poco piu' di un anno, non dovrebbero essere schifosi.

 

Allora è tutto più chiaro, (come nei nuovi contatori elettronici dove puoi visualizzare la potenza istantanea impiegata).

Effettivamente l'energia prodotta varierà nell'arco della giornata e ciò condizionerà il quantitativo di energia realmente prodotta nelle ore di luce.

 

Per quanto riguarda l'inclinazione dei pannelli, almeno per ciò che riguarda i tetti F.V. per utenze domestiche non credo siano disponibili dispositivi mobili (o quantomeno realisticamente economici).

 

Ciao Giuseppe

Link to comment
Share on other sites

A proposito di utenza domestica, c'e' la pubblicita' per telefonare all'enel numero verde per sapere che cosa?

Non bastava dire che i consumi effettuati dopo le 19 costano meno?

Qualcuno ha gia' telefonato?

 

Io non ho telefonato al n° verde ma collegandosi al portale ENEL a questo indirizzo:

http://www.enel.it/sportello_online/elettr...orarie_casa.asp

 

hai la possibilità di valutare se c'è una fra le nuove tariffe che fa al caso tuo.

 

Attualmente le tariife disponibili sono 3

- SERA

- WEEKEND + FESTIVI

- DUE (tariffa bioraria)

 

Dal 1°aprile saranno disponibili altre due tariffe:

- AGOSTO (Casa vacanze)

- UNA (Bolletta fofait)

Info a questa pagina:

http://www.enel.it/sportello_online/elettr...rarie_casa2.asp

 

Ovviamente nessuna illusione (non ti regalano niente!!)

ma i risparmi ottenibili variano da 10 a 80Euro l'anno....

.....e visto che l'attivazione delle nuove tariffe è gratis.....perchè no? ^_^ ;)

 

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).