Jump to content

Recommended Posts

Ciao a tutti,

Mi sono preso un po’ di tempo per vedere come affrontare il prossimo argomento.

Il problema era: quale impostazione sistematica adottare.

La scelta "obbligata" è stata quella di utilizzare le impostazioni scelte nel Forum

 

Un consiglio per chi non l'avesse già fatto vedere prima questo post

 

LINK

 

Partiamo:

 

Per prima cosa va ribadito che la sistematica non è una sola e che ognuno può adottare quella che preferisce. Lo schema della sistematica che utilizzerò è il seguente:

 

CLASSE: Basidiomicetes

 

ORDINI:

Agaricales s.l.

Russulales s.l.

Boletales s.l.

Aphyllophorales s.l.

Gasteromycetales s.l.

Polyporales s.l.

 

All’interno di ogni ordine troviamo i Generi.

 

Ordine Agaricales

 

Sono inseriti i Generi che hanno l’imenio formato da lamelle sono esclusi i Generi inseriti nell’ordine Russulales.

 

Ordine Russulales

 

Comprende due Generi: Russula e Lactarius caratterizzati dalla consistenza della carne “cassante”

 

Ordine Boletales

 

In questo “contenitore” troviamo Generi che hanno l’imenio a tubuli e pori

 

Ordine Aphyllophorales

 

Solo Generi con imenio liscio o tuttalpiù corrugato

 

Ordine Polyporales

 

Caratterizzati da imenio a pori

 

Ordine Gasteromycetales

 

Maturano le spore al loro interno (vescie)

 

IMPORTANTE

 

Se ci sono dei dubbi cerchiamo di chiarirli subito. Senza aspettare .

Edited by cos
Link to post
Share on other sites
  • Replies 63
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Prendiamo in esame l’ordine più corposo:

 

ORDINE AGARICALES ( Funghi a lamelle )

 

Funghi generalmente composti da gambo e cappello, raramente sessili spesso con evidenti residui dei veli (anello, cortina), imenoforo a lamelle; carne al massimo leggermente fibrosa, non cassante ne coriaceo-legnosa.

 

Dopo aver definito (Grossolanamente) l’ordine Agaricales passiamo alle famiglie contenute in esso

 

FAMIGLIA AGARICACEAE

 

Funghi eterogenei, più o meno carnosi, asciutti, spesso con evidente residuo del velo; cappello più o meno squamoso lamelle libere o sublibere, bianche, rosa, a maturità porpora-brunastro; gambo più o meno carnoso, centrale, cilindraceo o bulboso alla base, anellato oppure a rivestimento cotonoso-fioccoso. Spore da biancastre a porpora-brunastro in massa. terricoli.

 

GENERE AGARICUS

 

Funghi carnosi, generalmente di taglia medio-grande, a cappello convesso o tronco-convesso, sovente a rivestimento più o meno squamoso; lamelle libere, assai fitte, presto rosate quindi porpora-brunastro ed infine nerastre; gambo sempre provvisto di anello più o meno persistente, semplice o doppio, privo di volva. carne spesso virante al giallo (gruppo flavescentes) o al rosso (gruppo rubescentes). Spore di colore porpora-brunastro in massa .

post-115-1115814482.jpg

Edited by cos
Link to post
Share on other sites

FAMIGLIA CORTINARIACEAE

 

Funghi omogenei, più o meno carnosi, di taglia da molto piccola a assai grande, asciutti o viscoso-glutinosi; lamelle mai decorrenti, di norma colorate di beige-sporco o di ocra-brunastro. Gambo centrale, talora terminante in un bulbo più o meno marginato, sovente provvisto di residui dei veli sotto forma di cortina o di fioccosità cotonose, eccezionalmente di anello. Spore ocracee, brunastre o bruno-rugginose in massa. Terricoli o umicoli.

 

 

 

GENERE CORTINARIUS

 

Funghi da submembranacei e di piccola taglia, a carnosi e allora di taglia anche molto grande, di colori diversi, talvolta dalle tinte vivaci, a cappello generalmente convesso ma, nelle specie più piccole o medio-piccole può essere campanulato-umbonato, asciutto o vischioso, talora decisamente glutinoso; lamelle tipicamente smarginate o annesse al gambo, gambo asciutto o glutinoso, sempre con residui del velo parziale (cortina), cilindraceo o clavato, obeso, oppure a base radicante, sempre privo di volva; spore ocracee o rugginose in massa.

Molte le specie velenose, alcune MORTALI.

 

Cortinarius caligatus ( notare le lamelle nell'esemplare giovane a SX di colore celeste mentre quelle dell'esemplare a DX sono di colore bruno- beige)

post-115-1115821805.jpg

Link to post
Share on other sites

GENERE HEBELOMA

 

Funghi carnosi, di taglia medio-grande, raramente piccola; cappello generalmante convesso o convesso con umbone ottuso, più o meno viscoso, sempre su colori brunastri o beige chiaro; lamelle sinuato-smarginate, colore caffelatte a volte lacrimanti; gambo cilindrico o con radichetta, raramente bulboso, di norma fioccoso almeno all'apice, talvolta con residui di cortina persistenti.

Terricoli o umicoli

 

Generalmente l'odore degli esemplari di questo genere ricorda le radici, rape

solo alcune specie hanno un "buon" odore di sapone.

 

E' il caso di Hebeloma pallidoluctuosum fotografato da Riccardo, socio del mio gruppo.

post-115-1115824272.jpg

Link to post
Share on other sites

GENERE INOCYBE

 

Funghi più o meno carnosi, di taglia piccola o media, raramente grande; cappello di norma campanulato- umbonato, raramente convesso, spesso a rivestimento fibrilloso,lanuginoso, rimoso o squamettato in ciuffi; lamelle per lo più attenuato-adnate o adnate al gambo, di colore beige sporco fino a brunastro più o meno intenso; fibrilloso e spesso ricoperto da una pruina più o meno persistente, a volte con rivestimento lanugginoso e dissociato in squamole più o meno erette. solo raramente con residui di cortina del velo, qualche volta terminante in un bulbo marginato. Numerose specie TOSSICHE.

 

L' odore tipico dei rappresentanti di questo genere è definito spermatico o spermatico terroso, anche quì però ci sono delle eccezzioni, è il caso di

Inocybe pisciodora dal caratteristico odore di pesce.

post-115-1115825022.jpg

Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, dopo questo lungo week end (ho fatto un paio di giorni di ferie) iniziamo la seconda parte continuando con gli Agaricales ( funghi a lamelle).

FAMIGLIA STROPHARIACEAE

 

Funghi omogenei, da membranacei a carnosi, di taglia piccola o media, raramente grandi, generalmente dotati di gambo e cappello.

Cappello di forme diverse:emisferico, campanulato, conico, etc, asciutto o viscoso, a volte ornamentato oppure striato almeno all'orlo, talvolta igrofano;

lamelle con inserzione varia, talora triangolari e non di rado un poco decorrenti bianche, nei giovani esemplari, da ocra brunastro fino a nero;

gambo da filiforme a cilindraceo-carnoso, nudo o decorato da squamule adnate, residui cortiniformi, glutinosità o anello. Spore da bruno tabacco fino a nerastre in massa. terricoli, lignicoli o fimicoli.

GENERE STROPHARIA

 

Funghi omogenei, più o meno carnosi, di taglia media o medio-piccola, generalmente glutinosi, a cappello convesso, sovente ricoperto da fioccosita;

Lamelle adnate, inizialmente pallide ma presto grigio-violacee, pomellate negli adulti;

Gambo sempre anellato o armillato.

Spore di colore bruno-violaceo scuro in massa.

eccezionalmente lignicoli.

 

Stropharia aeruginosa

post-115-1116251204.jpg

Edited by cos
Link to post
Share on other sites

GENERE HYPHOLOMA

 

Funghi di taglia piccola o media, asciutti;

cappello convesso o campanulato, spesso dai colori vivaci;

lamelle adnate, da giallo-verdastro a grigio beige, poi più scure; gambo cilindraceo, spesso fascicolato, a volte con rari residui della cortina.

Spore grigio-violaceo scuro in massa.

Qualche specie è TOSSICA.

 

Hypholoma sublateritium

post-115-1116251293.jpg

Link to post
Share on other sites

GENERE PHOLIOTA

 

Funghi carnosi, spesso cespitosi, di taglia media o medio-piccola, asciutti o viscosi;

Cappello talvolta igrofano, generalmente ricoperto di squamule adnate, a volte irsute;

Lamelle sinuate o adnate al gambo, presto bruno-rugginoso;

Gambo quasi sempre calzato da un'armilla squamulosa e spesso anche viscoso, anellato nel sottogenere pholiota ma cortinato nel sottogenerre flamula.

Spore bruno-rugginoso in massa generalmente lignicoli.

 

Pholiota squarrosa

post-115-1116251406.jpg

Link to post
Share on other sites

GENERE AGROCYBE

 

Funghi più o meno carnosi, di taglia piccola o media, mai decisamente viscosi; cappello convesso oppure emisferico;

lamelle adnate, bruno-tabacco a maturità;

gambo cilindraceo, eccezionalmente radicante, provvisto di anello, più raramente nudo, mai squamuloso ne viscoso.

Spore bruno-tabacco in massa. Terricoli, umicoli, solo A. aegerita è lignicola.

 

Agrocybe dura

post-115-1116251493.jpg

Link to post
Share on other sites

GENERE PANAEULOS

 

Funghi dal portamento assai slanciato, scarsamente carnosi o submenbranacei, asciutti o viscosi; cappello generalmente parabolico, talvolta con orlo appendico- lato da residui del velo; lamelle piuttosto larghe, adnate, a volte triangolari, spesso papiglionacee, presto nerastre con orlo tipicamente bianco; gambo assai esile, fibrosetto, nudo, raramente con anello.

Fimicoli o umicoli..

 

Un Panaeulos (foto di Cinzia)

post-115-1116251562.jpg

Link to post
Share on other sites

FAMIGLIA COPRINACEAE

 

Funghi scarsamente carnosi, di taglia piccola o media, deliquescenti; lamelle da libere ad annesse al gambo, generalmente fitte, nerastre a maturità;

gambo centrale, nudo con residui più o meno persistenti del velo, talora munito di anello piuttosto rudimentale.

Spore da bruno-violacee a nerastre in massa. Saprofiti, fimicoli o umicoli.

 

 

GENERE COPRINUS

 

 

Funghi generalmente eterogenei, a carne assai scarsa putrescibili;

cappello a forma ellissoidale, pruinoso-micaceo o lanuginoso, spesso più o meno solcato-plisettato; lamelle libere o sublibere al gambo, molto fitte a superfici parallele, inizialmente bianche o pallide, infine nerastre;

gambo cilindraceo e generalmente un poco ingrossato alla base, talvolta radicante, a rivestimento fibrilloso-lanuginoso, o nudo, talora con anello.

Spore bistro-porpora o nere. Umicoli o fimicoli a volte lignicoli.

 

Un Coprinus (fotografato da Giovanni, socio del mio gruppo)

post-115-1116251636.jpg

Edited by cos
Link to post
Share on other sites

GENERE PSATHYRELLA

 

Funghi non deliquescenti a cappello convesso o campanulato, a volte con rivestimento cotonoso, omogenei, non presentano tinte vivaci; di taglia piccola o media ; di carne sottile, fragile. La pellicola del carpoforo può essere liscia, glabra o finemente squamata. Il gambo generalmente liscio, a volte con velo parziale fugace, spesso a crescita fascicolata, spore nere in massa.

 

Psathyrella lacrimabunda

post-115-1116251723.jpg

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).