Jump to content

Boletus edulis Bulliard *


Recommended Posts

Boletus edulis Bulliard

Herbier de la France 2: tab. 60 (1782) [1781-82]

 

Sinonimi

Boletus edulis var. arcticus (Vassilkov) Hlaváček, Mykologický Sborník 71(1): 9 (1994)

Boletus edulis var. laevipes Massee, Brit. Fung.-Fl. 1: 284 (1892)

Boletus citrinus A.Venturi in Fries, 1863

Boletus venturii Bon, Docums Mycol. 17(no. 65): 51 (1986)

Boletus personii Bon, Docums Mycol. 19(no. 74): 61 (1988)

Boletus edulis var.pusteriensis Ferrarese & Simonini (1996)

Leccinum edule (Bull.) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 647 (1821)

Nomi volgari

Porcino, Brisa, Boleto.

 

Etimologia

Dal latino ''edulis'', edule; per la sua ottima commestibilità.

 

Habitat/Periodo Di Comparsa

Ubiquitario, cresce da maggio a novembre in boschi di ogni genere, con preferenza per abete rosso e faggio.

 

Descrizione

Cappello 5-30 cm, carnoso da emisferico a convesso, indi appianato; tipicamente rugoso, raramente liscia; di colore da nocciola a bruno-ocraceo, ma anche biancastra o giallina; il margine, sottile ed eccedente, è di colore bianco.

Imenoforo tubuli lunghi, arrotondati al gambo, facilmente asportabili; pori piccoli, immutabili, da bianchi a giallo verdognoli.

Gambo obeso indi ventricoso cilindraceo; spesso incurvato; negli esemplari giovani bianco poi nocciola chiaro; decorato da un evidente reticolo bianco a maglie piccole, esteso su gran parte della superficie.

Carne soda, compatta, con l’età più molle, bianca ad eccezione di pochi millimetri al di sotto della cuticola dove si presenta brunastra; odore gradevole tipico fungino, sapore dolce di nocciola.

 

Note e Curiosità

E il fungo più conosciuto, apprezzato e raccolto in Italia; negli anni sono stati ritrovati esemplari con la cuticola di colori differenti: completamente biancastra o giallo citrino; queste varietà vennero chiamate Boletus persoonii (completamente bianco) e Boletus venturii (cuticola gialla citrina); venne descritto inoltre un Boletus edulis var.pusteriensis, con caratteristiche simili al tipico ma con i pori che virano all'azzurro se premuti. Queste varietà, curiose e frequenti, rientrano comunque in un unico typus preciso, corrispondente al Boletus edulis, conosciuto e raccolto ovunque come Porcino.

 

Commestibilità

Ottimo Commestibile, adatto ad ogni uso, fresco, surgelato, crudo, essiccato, sott'olio o aceto. Fra i migliori funghi commestibili.

 

post-496-1205529727.jpg

 

Foto ©2008 Oliviero Tagliabue

Descrizioni ©2005-2008 Donatella De Giorgi & Nicolò Oppicelli

Edited by Illecippo™
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...
  • 7 months later...
  • 7 months later...

Boletus edulis Bulliard, Herbier de la France 2: tab. 60 (1782) [1781-82]

=

Boletus edulis f. arcticus Vassilkov, Bekyi Grib: 16 (1966)

Boletus edulis f. laevipes (Massee) Vassilkov,: 13 (1966)

Boletus edulis subsp. trisporus Watling, Notes R. bot. Gdn Edinb. 33(2): 326 (1974)

Boletus edulis var. arcticus (Vassilkov) Hlaváček, Mykologický Sborník 71(1): 9 (1994)

Boletus edulis var. laevipes Massee, Brit. Fung.-Fl. 1: 284 (1892)

Boletus solidus Sowerby, Coloured figures of English Fungi or Mushrooms (London) 3: tab. 419 (1809)

Dictyopus edulis (Bull.) Forq., (1890) [1889]

Leccinum edule (Bull.) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 647 (1821)

 

 

 

post-496-1175853987.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 11 months later...
  • 1 year later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).