Jump to content

massimilianonew

Members
  • Content Count

    305
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About massimilianonew

  • Rank
    Galletto
  • Birthday 06/18/1969

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Ravenna
  1. Con Deliberazione unanime il Consiglio Direttivo del 12 novembre scorso ha approvato la nuova disciplina per la raccolta dei funghi nel Parco, che entra in vigore dal 1 gennaio 2010. Le modifiche apportate derivano dall’accertamento di episodi di impatto significativamente superiore ad ogni livello di accettabilità, derivante soprattutto dalla concentrazione in determinate giornate di un eccessivo numero di raccoglitori, soprattutto nelle zone più delicate del Parco stesso. Di tale situazione l’Ente ha preso atto direttamente, così come ha raccolto numerosissime lamentele da parte dei so
  2. per chi non ne sia già a conoscenza, saluti. "All’interno delle Riserve Biogenetiche dello Stato, individuate nelle cartografie ufficiali e conformemente tabellate sul territorio, la raccolta dei funghi nei giorni di sabato e domenica è esercitabile esclusivamente da parte dei residenti dei comuni del Parco." it_Regolamento_funghi.pdf
  3. giacomo , eccolo qua, purtroppo la foto è venuta malissimo ma questo è un citrinus sicuro . . .
  4. alberto, eccomi qui, più esperto ahimé di calcoli renali che di funghi; l'ultimo l'ho partorito dopo tre mesi di coliche lo scorso marzo; 8 mm e guarda un pochino che forma; alla fine visto il lavoro che faccio sono pure riuscito a gustarmelo al microscopio . . . un abbraccio e a disposizione per racconti sul bombardamento . . . (litotrissia) :wink:
  5. Grazie a tutti voi dal profondo del cuore. Grazie Giorgio per stupirci ed insegnarci ancora.
  6. Marco, ti ringrazio per la risposta, così come ringrazio quanti hanno già pure risposto e quanti ancora lo faranno. lo sapevo, l'argomento è delicato, e su questa vicenda ho omesso volontariamente alcuni passaggi perché è stata oggetto di "denuncia" alle autorità competenti, che, nella fattispecie, erano i gestori di un'area protetta, e qui mi fermo. Sono un geologo e pertanto non ho nelle mie conoscenze fondamenti di etologia o zoologia tali da comprendere o giustificare l'accaduto e tanto meno di riconoscere, in frangenti concitati come quelli, un cane da un lupo o da un ibrido (anche se
  7. L’argomento è delicato e nasce da una brutta esperienza fatta circa 3 anni fa. Mi decido oggi a tirarla fuori perché sto leggendo in quest’ultimo periodo sempre più post dedicati agli animali, predatori e non, e mi sembra nitidamente di percepire anche una buona preparazione sul tema da parte di alcuni associati. Naturalmente lo scopo è quello di aprire una discussione fruttuosa e raccogliere anche qualche suggerimento sull’accaduto nonché una possibile chiave di lettura. Per una serie di motivi personali e non, non darò alcuna collocazione geografica precisa all’accaduto ma solamente un ge
  8. grande Didò, posso solo applaudire e confermarti la triste situazione del sudtirol; sono rientrato da pochi giorni dalla Valle Aurina e, oltre alla neve fresca sui 1700 metri che ha abbassato repentinamente la temperatura, il bosco è incredibilmente asciutto. Grandissimi pertanto che avete beccato la bolla buona. Un caro saluto.
  9. Maria, non volevo entrare, da estraneo, nel tuo dolore e questa era, ed è ancora, la mia prima preoccupazione; per questo ho esitato a lungo prima di scrivere questo post. Giorgio non l’ho mai incontrato, ma la sua sensibilità ed intelligenza trasparivano nitidamente da quanto scriveva e condivideva con noi del forum. La sua cortesia invece l’ho saggiata dai vari messaggi privati che ci siamo scambiati e tramite i quali mi ha guidato alla prima scoperta di un mondo fatto di posti incantati. Fu lui a consigliarmi il garnì a Predazzo quando, circa tre anni fa, facemmo il nostro primo tour in v
  10. A te Giorgio un pensiero dalla tua vallata, dalle tue cime, dai tuoi boschi, che solo grazie ai tuoi racconti e suggerimenti, sto imparando oggi a conoscere dal vero.
  11. Riaffiorano queste parole, la voglia di raccontarsi, di essere luce fino all’ultimo momento, di salire in alto e di pregare, e ne vengo travolto e stravolto come un ciottolo sulla riva di un mare in burrasca.
  12. Ogni parola andava sempre al suo posto, naturalmente, così come ogni colore e profumo ora mi sembrano frutto dell’attento studio di un regista supremo.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).