Jump to content

Raduno sull'Etna


salvo56
 Share

Recommended Posts

....troppo bello. :0123:

Troppo belli..... :hug2: :bye1:

Mi son riguardato tutto ancora....

ho miscelato le immagini con le telefonate.... :contract:

che dire:

ci avete trasmesso un po' sella bellissima atmosfera che gustavate,

ed è bello leggere nelle immagini il vostro pensiero verso tutta l'APB....

e con gioia vi dico che si vede!! :biggrin:

Un abbraccione a tutti ed uno particolare a Salvo un medico che sa curare sicuramente il Cuore. :hug2:

 

Gibbo. :0123:

 

 

 

...una sola nota di biasimo,

vorrei aver visto meno peli di Orsetti marsicani al vento :scare2: e più vellutate pelli femminili...... :biggrin:

ma va beh lasciamo fare che mi busco uno sganassone.... :punish: :biggrin:

Link to comment
Share on other sites

Grazie ragazzi...

 

per i consigli...

 

per la compagnia...

 

per la simpatia...

 

è stato un raduno fantastico e divertentissimo, in una terra splendida e ricca di sorprese!

 

Non vediamo l'ora di tornarci...Salvo, preparati!!!!!!! :0123: :0123: :0123:

 

:drinks: a tutti

 

PS.

Una cosina per il simpaticissimo Pasquale, come promesso... :clapping:

 

Il dattero di mare è un mollusco bivalve che deve il suo nome, a lithos (pietra) e phagein (mangiare), per la capacità di perforare le rocce sommerse e vivere al loro interno. È dotato di una conchiglia equivalve,composta cioè da due parti identiche fra loro, molto allungata e con le due estremità arrotondate. La forma allungata e il colore bruno castano ricordano il dattero, da cui il termine dattero di mare. Sulla faccia esterna delle valve sono ben evidenti le linee di accrescimento, che appaiono come sottili striature concentriche e radiali. Il guscio è leggero e ricoperto da una fine membrana molto aderente; il lato esterno delle valve, durante la permanenza in mare, è fosforescente, mentre l’interno è bianco-azzurrognolo, madreperlaceo.

Il dattero di mare può raggiungere le dimensioni massime di 8-10 cm ed è stato calcolato che raggiunge la lunghezza di 5 cm dopo circa 15-20 anni; tale crescita lentissima ha sempre scoraggiato qualsiasi tentativo di allevamento.

È a sessi separati; il periodo di maturità sessuale coincide con il periodo estivo, luglio-agosto; dopo lo stadio larvale i datteri di mare si fissano nello stadio giovanile con il bisso ad una roccia calcarea, dopo di ché, dopo aver perso il bisso, inizia la fase di escavazione, che porta alla formazione di una vera e propria galleria in cui si insediano e rimangono per tutta la durata dell’esistenza. L’azione di perforazione sembra avvenire sia per il movimento meccanico della conchiglia sulla roccia sia, soprattutto, per azione di una secrezione acida, prodotta da particolari ghiandole, che è in grado di sciogliere il carbonato di calcio.

Il dattero si nutre di materiale organico in sospensione che raccoglie estroflettendo una sorta di sifone al di fuori della galleria.

 

:bye1:

Link to comment
Share on other sites

Grazie ragazzi...

 

per i consigli...

 

per la compagnia...

 

per la simpatia...

 

è stato un raduno fantastico e divertentissimo, in una terra splendida e ricca di sorprese!

 

Non vediamo l'ora di tornarci...Salvo, preparati!!!!!!! :0123: :0123: :0123:

 

:hug2: a tutti

 

PS.

Una cosina per il simpaticissimo Pasquale, come promesso... :biggrin:

 

Il dattero di mare è un mollusco bivalve che deve il suo nome, a lithos (pietra) e phagein (mangiare), per la capacità di perforare le rocce sommerse e vivere al loro interno. È dotato di una conchiglia equivalve,composta cioè da due parti identiche fra loro, molto allungata e con le due estremità arrotondate. La forma allungata e il colore bruno castano ricordano il dattero, da cui il termine dattero di mare. Sulla faccia esterna delle valve sono ben evidenti le linee di accrescimento, che appaiono come sottili striature concentriche e radiali. Il guscio è leggero e ricoperto da una fine membrana molto aderente; il lato esterno delle valve, durante la permanenza in mare, è fosforescente, mentre l’interno è bianco-azzurrognolo, madreperlaceo.

Il dattero di mare può raggiungere le dimensioni massime di 8-10 cm ed è stato calcolato che raggiunge la lunghezza di 5 cm dopo circa 15-20 anni; tale crescita lentissima ha sempre scoraggiato qualsiasi tentativo di allevamento.

È a sessi separati; il periodo di maturità sessuale coincide con il periodo estivo, luglio-agosto; dopo lo stadio larvale i datteri di mare si fissano nello stadio giovanile con il bisso ad una roccia calcarea, dopo di ché, dopo aver perso il bisso, inizia la fase di escavazione, che porta alla formazione di una vera e propria galleria in cui si insediano e rimangono per tutta la durata dell’esistenza. L’azione di perforazione sembra avvenire sia per il movimento meccanico della conchiglia sulla roccia sia, soprattutto, per azione di una secrezione acida, prodotta da particolari ghiandole, che è in grado di sciogliere il carbonato di calcio.

Il dattero si nutre di materiale organico in sospensione che raccoglie estroflettendo una sorta di sifone al di fuori della galleria.

 

:hug2:

 

 

.....è proibita la pesca, importazione, vendita e commercializzazione su tutto il territorio nazionale.....purtroppo per loro.............. sono squisitissssssimi..... :bye2:

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

bellissime proprio queste immagini!!!

mi avete fatto venire il magone perchè quest'estate sono stato a Letojanni (prima di Taormina),e anche io ho fatto l'escursione sull'Etna (non fino alla vetta però...mamma mia che vento!!) e alle gole dell' Alcantara(freddina l'acqua,ehh?!).

Miticiii!!! :clapping:

Link to comment
Share on other sites

Non so quando ci sarà un prossimo raduno APB siculo, ma le M&M le riabbraccerai sicuramente in luglio ai piedi dell'Etna!!!! :bye1:

 

Marci :biggrin:

 

PS Ma che fine ha fatto Antonia?!?!?! :biggrin:

Link to comment
Share on other sites

Non so quando ci sarà un prossimo raduno APB siculo, ma le M&M le riabbraccerai sicuramente in luglio ai piedi dell'Etna!!!! :cheer:

 

Marci :bye1:

Con grande piacere, lo sai :bye1:

 

 

PS Ma che fine ha fatto Antonia?!?!?! :cheer:

L'ultima volta l'ho sentita per gli auguri di Natale e allora mi disse di avere problemi di connessione e/o altro :chin: :bye1:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
  • 6 years later...

Ieri sera pensavo al Baffone e alle tante avventure passate insieme, fra cui questa.

 

Angelo ti dedico questo topic con tutto il cuore, ti voglio bene e spero di riviverlo insieme a te un raduno cosi bello :flowers2:

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use (privacy).