Vai al contenuto


Ultime novità nel forum

Immagine inserita


Foto

Funghi decontaminatori il biorisanamento dall’amianto con i funghi e i licheni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 Doni

Doni

    Socio Fondatore

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4244 messaggi
  • Location:Lecce- Puglia
  • Interests:Mi piace studiare i funghi, stare con gli amici, cucinare, andare in campagna, mi piacciono i bambini.

Inviato 12 maggio 2011 - 19:41

Alcune rocce, appartenenti al gruppo dei silicati, contengono fibre di amianto. Le forme più pericolose per la salute umana sono l’amianto blu (crocidolite)
il serpentino, minerale che contiene amianto crisolito che forma microfibre volatili.

Immagine inserita
immagine presa da http://www.impertecno.it/home.html

Questi minerali sono dotati di bassa conducibilità termica, elettrica e acustica per questo hanno trovato tra gli anni sessanta e ottanta un vastissimo impiego in campo industriale nella costruzione di materiali protettivi e isolanti, nei fibrocementi come l’Eternit , con cui venivano fatte tettoie e contenitori per l’acqua . La capacità di resistere al fuoco ha fatto si che l’amianto venisse usato per la produzione di tessuti antincendio.

Solo negli anni ottanta ci si è accorti che le minuscole fibre, di cui è composto, se inalate provocano tumori mortali all’apparato respiratorio L’amianto oggi si trova sia sotto forma di manufatti umani che nelle rocce naturali in cave non più sfruttate o in vene ancora non scoperte.

Accertata l’enorme pericolosità di questo materiale ci si è chiesti quale rimedio utilizzare per sconfiggere questo nemico e così si è giunti all’idea di arruolare nella lotta funghi e licheni, organismi generati dall’unione tra alghe e funghi.
Come dovrebbero agire?

Il biorisanamento dagli inquinanti avviene naturalmente ma richiede tempi molto lunghi per questo si è scelto di sfruttare i funghi che si adattano ad ambienti poveri e sono in grado di solubilizzare il ferro presente nell’amianto rendendolo innocuo, inoltre i funghi con le loro ife sono in grado di esplorare ampi volumi di suolo e immobilizzare le fibre stesse dell’amianto riducendone la dispersione nell’ambiente: Anche i licheni agiscono in modo molto efficace ma crescono più lentamente e non sono coltivabili.

Le specie su cui si stanno svolgendo attualmente gli studi sono il Fusarium oxysporum ( patogeno delle piante coltivate), la Mortierella hyalina el’Oidiodendron maius, un fungo simbionte micorrizzico con le radici di alcune piante
Immagine inserita
immagine presa da: http://extension.umaine.edu

Si tratta di funghi microscopici che crescono in associazione con piante ospiti ma che sono facilmente ottenibili in laboratorio e che speriamo ci aiutino in questa moderna emergenza.

#2 fantemax

fantemax

    L'Incredibile

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7954 messaggi
  • Location:Genova
  • Interests:Musica, Poesia, Genoa,......ma soprattutto vivere il bosco!

Inviato 12 maggio 2011 - 19:58

Molto interessante questa cosa Doni!
Ma In quanto tempo i funghi e licheni posso aiutare a risolvere questo problema? E quali volumi di amianto possono rendere innocui ?

#3 Doni

Doni

    Socio Fondatore

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4244 messaggi
  • Location:Lecce- Puglia
  • Interests:Mi piace studiare i funghi, stare con gli amici, cucinare, andare in campagna, mi piacciono i bambini.

Inviato 12 maggio 2011 - 20:09

credo sia tutto ancora in fase di sperimentazione , comunque aggiungo alcuni link su cui approfondire l'argomento

My link

Messaggio modificato da Doni, 12 maggio 2011 - 20:09


#4 Doni

Doni

    Socio Fondatore

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4244 messaggi
  • Location:Lecce- Puglia
  • Interests:Mi piace studiare i funghi, stare con gli amici, cucinare, andare in campagna, mi piacciono i bambini.

Inviato 12 maggio 2011 - 20:11

My link

#5 loril

loril

    L'Incredibile

  • Soci APB - Moderatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9576 messaggi
  • Location:Matelica (mc)
  • Interests:Andare per funghi - Fotografia di funghi e natura - Escursioni in montagna - Attività con il Gruppo Micologico

Inviato 12 maggio 2011 - 22:23

ho seguito il tuo articolo, ottima cosa, non so quanto sia semplice realizzarla per ripulire un pò l'ambiente ma importante arrivare in fondo

#6 funghimundi

funghimundi

    Consigliere APB

  • Consiglio Direttivo 2017
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15238 messaggi
  • Location:Sassuolo (MO)
  • Interests:troppi!! (ecologia, pesca, tiro con l'arco, musica, accanito lettore, aspirante scrittore, studio ancora e dormo poco, mi piace giocare, mangiare, bere, starmene in silenzio, adoro il fuoco, sono ossessionato dalle acque, mi esalta la neve, vivo per e nella terra, .....)

Inviato 12 maggio 2011 - 22:28

ma tu pensa ...


grazie della'info Donatella

:flowers2:

#7 Gibbo

Gibbo

    VICE PRESIDENTE APB

  • Consiglio Direttivo 2017
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22843 messaggi
  • Location:Prato
  • Interests:.....tutto.

Inviato 13 maggio 2011 - 06:34

.....e te mi vieni a dire che il "fungo" Fusarium oxysporum che attacca le piante dei miei Pomodori e le secca piano piano può esserci utile???
Meglio così perchè finora mi ero chiesto a cosa servisse alla natura!!Immagine inseritaImmagine inserita
Sarà meglio spiegare a questi fungacci che certe piante devono lasciarle fare e pensare a risolvere i problemi derivanti dalla crocidolite (serpentino) di cui sono ricchissime le colline sopra Prato Immagine inserita

Grazie ancora Doni.... Immagine inserita

#8 ariapura

ariapura

    Gran fungaiolo

  • Soci APB - Moderatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4738 messaggi

Inviato 13 maggio 2011 - 06:50

.....e te mi vieni a dire che il "fungo" Fusarium oxysporum che attacca le piante dei miei Pomodori e le secca piano piano può esserci utile???
Meglio così perchè finora mi ero chiesto a cosa servisse alla natura!!Immagine inseritaImmagine inserita
Sarà meglio spiegare a questi fungacci che certe piante devono lasciarle fare e pensare a risolvere i problemi derivanti dalla crocidolite (serpentino) di cui sono ricchissime le colline sopra Prato Immagine inserita

Grazie ancora Doni.... Immagine inserita


Dopo la talpa di Carletto abbiamo anche il Fusarium di Giacomo, la natura è molto severa con gli agricoltori di APB .

Interessante anche questo dopo il topic sul Fomes, stamani si impara qualcosa di nuovo :clapping:

#9 pietragi

pietragi

    L'Incredibile

  • Soci APB - Moderatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12233 messaggi
  • Location:Bologna
  • Interests:Leggere
    Passeggiare nei boschi
    Nuotare in mare
    Sport

Inviato 13 maggio 2011 - 08:24

Beh spero che si arrivi ad una soluzione del genere perchè ovunque c'è in giro eternit e questo materiale chiede già un conto in termini di vite umane