Vai al contenuto


Ultime novitÓ nel forum

Immagine inserita


Foto

Intossicazione da Cortinarius simil-orellanus


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1 peter

peter

    Gran fungaiolo

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2803 messaggi
  • Location:Verona

Inviato 02 gennaio 2010 - 18:05

Un noto micologo americano, Michael W. Beug, segnala in un articolo pubblicato sulla rivista americana Fungi magazine, reperibile in Internet, un recente caso di interessante di intossicazione renale (estate 2008) da Cortinarius simil-orellanus negli USA.
Il fungo non Ŕ stato ancora determinato con certezza ma le foto riportate nell'articolo fanno pensare ad un fungo molto vicino al Cortinarius orellanus.
La paziente intossicata ha dovuto per mesi essere sottoposta a trattamento emodialitico. Si segnala inoltre che la funzione renale successivamente Ŕ migliorata.
Per ulteriori informazioni segnalo ai lettori interessati l'indirizzo dell'articolo originale:
http://www.fungimag....cles/Beug_1.pdf.
Buon 2010 a tutti gli amici di APB.
Piero

#2 telefunghen

telefunghen

    Socio Fondatore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6429 messaggi
  • Location:pontecorvo (FROSINONE)

Inviato 02 gennaio 2010 - 18:22

Ho visto piero la scheda, ma con quale fungo lo scambiano?


MARIO

#3 peter

peter

    Gran fungaiolo

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2803 messaggi
  • Location:Verona

Inviato 02 gennaio 2010 - 18:38

Ho visto piero la scheda, ma con quale fungo lo scambiano?


MARIO



Ciao Mario
non Ŕ segnalato nell'articolo come si Ŕ realizzata l'intossicazione; non sappiamo pertanto se vi sia stato scambio identificazione del fungo tossico con un fungo commestibile oppure se sia stata un consumo di fungo da parte di micofago (che io definisco kamikaze o rischiatutto) che incautamente ha voluto "provare " il fungo.
Sta di fatto che il fungo Cortinarius orellanus o orelanoides o speciosissimus non sono molto frequenti negli USA e questo spiega la rarirÓ delle intossicazioni da questi funghi negli Stati Uniti.
Da loro (in USA) una Amanita, l'Amanita smithiana, non esistente in Europa, ha dato luogo a numerose intossicazioni con coinvolgimento dei reni ma la comparsa dei segni clinici si realizza dopo breve tempo dall'assunzione e il ricupero della funzione in genere Ŕ in tempi brevi.

#4 did˛

did˛

    Socio Fondatore

  • Soci APB
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9164 messaggi
  • Location:Legnago (Verona)

Inviato 02 gennaio 2010 - 23:43

Ciao Mario
non Ŕ segnalato nell'articolo come si Ŕ realizzata l'intossicazione; non sappiamo pertanto se vi sia stato scambio identificazione del fungo tossico con un fungo commestibile oppure se sia stata un consumo di fungo da parte di micofago (che io definisco kamikaze o rischiatutto) che incautamente ha voluto "provare " il fungo.
Sta di fatto che il fungo Cortinarius orellanus o orelanoides o speciosissimus non sono molto frequenti negli USA e questo spiega la rarirÓ delle intossicazioni da questi funghi negli Stati Uniti.
Da loro (in USA) una Amanita, l'Amanita smithiana, non esistente in Europa, ha dato luogo a numerose intossicazioni con coinvolgimento dei reni ma la comparsa dei segni clinici si realizza dopo breve tempo dall'assunzione e il ricupero della funzione in genere Ŕ in tempi brevi.


Intersting Maestro...
certo che i "mico-masochisti" o "mico-kamikaze" proprio non li capiro' mai... :crigon_04: