Vai al contenuto


Ultime novità nel forum

Immagine inserita


Foto

Cominciamo a conoscere i funghi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
83 risposte a questa discussione

#31 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 09:57

Lactarius tesquorum dal bordo villoso

Allega Immagine(i)

  • Lactarius_tesquorum_villoso.jpg


#32 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 09:58

Amanita solitaria dalle verrucche piramidali

Allega Immagine(i)

  • Amanita_solitaria.jpg


#33 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 10:02

IL MARGINE E L'ORLO

Anche questa parte del cappello offre al determinatore particolari morfologici interessanti sia per quanto riguarda il suo andamento perimetrale e l’ornamentazione, sia per ciò che concerne la sua posizione rispetto al piano orizzontale; l’andamento perimetrale può essere: Unito o regolare, lobato, sinuoso, plissettato, denticolato.
L’ornamentazione invece: scanalato, striato, tubercolato, appendicolato.
Rispetto al piano orizzontale può essere: involuto, revoluto, ricurvo o piegato, diritto o piano, eccedente, fessurato, fissile.

Messaggio modificato da cos, 18 aprile 2005 - 14:20


#34 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:01

vediamo qualche esempio

Allega Immagine(i)

  • 4.jpg

Messaggio modificato da cos, 18 aprile 2005 - 11:01


#35 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:02

2)

Allega Immagine(i)

  • 5.jpg


#36 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:17

Margine involuto

Allega Immagine(i)

  • involuto.jpg


#37 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:17

Margine revoluto

Allega Immagine(i)

  • revoluto.jpg


#38 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:21

IMENOFORO

La parte più importante del fungo sotto il profilo della determinazione, oltre che della perpetuazione della specie, è costituita dall’imenoforo sul quale si sviluppa l’imenio formato da un’insieme di organi fertili (aschi, basidi) che producono e portano a maturazione le spore. L’imenoforo è normalmente situato nella parte inferiore del cappello, e può essere costituito da:

- Lamelle negli Agarici

- Tubuli e pori in Boleti e Polipori

- Aculei e dentini nelle hidnaceae

Allega Immagine(i)

  • 6.jpg


#39 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:24

Nelle Clavariaceae e ramariaceae, così come in altri raggruppamenti di Basidiomiceti, l’imenoforo è pressoché liscio o appena rugoso-crespato e situato in zone diverse del carpoforo (es.: porzioni superiori dei rami,ecc.).

Allega Immagine(i)

  • Ramaria_flava.jpg


#40 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 18 aprile 2005 - 11:25

Un caso particolare è costituito dalle specie appartenenti alla subclasse dei gasteromycetidae, dove l’imenoforo è racchiuso all’interno del fungo (per lo più di forma globosa o subglobosa) e le spore vengono liberate solo a completa maturazione attraverso la rottura dell’involucro esterno o peridio

Allega Immagine(i)

  • Clavatia_utriformis.jpg


#41 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 26 aprile 2005 - 11:05

Ciao a tutti, continuiamo con MORFOLOGIA

Nei funghi a lamelle possiamo osservare:

- Il colore iniziale e finale (a carpoforo maturo) delle lamelle.

- La loro forma e struttura (facce, orlo, profilo, larghezza, ecc.)

- L’inserzione o la mancata inserzione al gambo.

Si diranno:

- Distanti o libere – lamelle che si fermano prima del gambo.

- Adnate – lamelle che si attaccano al gambo in tutta la loro larghezza.

- Smarginate – lamelle che si attaccano al gambo attraverso un dentino.

- Decorrenti – lamelle che si attacarsi completamente e discendono lungo il gambo.

#42 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 26 aprile 2005 - 11:07

Vediamo qualche esempio:

Allega Immagine(i)

  • 1.jpg


#43 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 26 aprile 2005 - 11:19

E ancora:

Allega Immagine(i)

  • 2.jpg


#44 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 26 aprile 2005 - 11:20

Una curiosità?

Allega Immagine(i)

  • 3.jpg


#45 pino

pino

    Gran fungaiolo

  • Soci APB Andati Avanti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2222 messaggi
  • Location:Padova

Inviato 26 aprile 2005 - 11:26

Considerando una lamella diremo che si compone di due superfici dette facce sulle quali è distribuito l’imenio, del dorso che è il lato che si attacca al cappello e del filo che è al lato opposto. La distanza che intercorre tra dorso e filo si definisce larghezza. Lo spessore indica la distanza che c’è tra le due facce di una lamella.
Le lamelle possono essere uguali se sono tutte della stessa lunghezza; nei casi in cui si riscontrano lamelle più corte queste prendono il nome di lamellule. Le lamelle inoltre possono essere eterogenee o omogenee a seconda della difficoltà che si incontra nel separarle dal cappello.

Allega Immagine(i)

  • 4.jpg